TASTIERA VELENOSA - SE CONTE SI LAMENTA, COSA DOVREBBE DIRE SARRI? LE QUATTRO VOCI

03.07.2020 12:33 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - SE CONTE SI LAMENTA, COSA DOVREBBE DIRE SARRI? LE QUATTRO VOCI

Antonio Conte sale in cattedra e dopo il 6-0 tennistico contro il Brescia prende la parola, per difendere il suo gruppo, Conte lo conosciamo bene ed in pieno stile Mouriniano tende a prendere lui le responsabilità per non darle alla squadra, un giochino che a volte funziona, ma a volte no: "Guardando l'Inter ci sono tante indicazioni positive, poi dipende se si vuole guardare il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Per l'Inter si vuole guardare il bicchiere mezzo vuoto e creare problematiche, ma per me non c'è nessun problema. Attaccate me, piuttosto che i giocatori o il club".

Insomma, l'allenatore nerazzurro vorrebbe un trattamento soft verso la sua Inter, cosa che già avviene fin troppo con certi media amici che dall'inizio dell'anno soffiano per spingere i Conte Boys.

Ad esempio, il vento è talmente forte da aver dimenticato un rigore su Kulusevski, nell'ultimo match contro il Parma, un fallo di Barella netto che nessun media ha esasperato. Fosse successo alla Juventus avremmo assistito ad un'interrogazione parlamentare.

Conte, però non si può lamentare, a differenza di Sarri dall'inizio di stagione è stato trattato da re dai media, con i guanti di velluto e con lui pure l'Inter. Degli esempi? Eccoli.

ELIMINATO DALLA CHAMPIONS, SARRI NO - Inter fuori ai gironi, la Juventus prima nel suo girone. Un paragone imbarazzante per i nerazzurri che hanno subito l'eliminazione per aver sottovalutato lo Slavia Praga.

ELIMINATO IN SEMIFINALE DI COPPA ITALIA, SARRI NO - Maurizio Sarri fustigato per aver perso la Coppa Italia ai rigori, l'Inter di Conte in finale non c'è nemmeno arrivata.

PERSO DUE VOLTE IN INTER-JUVE, SARRI NO - due match tra Juve ed Inter e due sconfitte per Conte, con anche delle lezioni di calcio, cosa sarebbe successo in caso contrario? No comment, il povero Sarri forse non siederebbe più sulla panchina zebrata.

MERCATO CON SPESE FOLLI, LA JUVE A GENNAIO HA SOLO VENDUTO - a Milano sia in estate che a gennaio hanno speso come dei folli, a gennaio poi Moses, Young, Eriksen ed un mercato pazzesco, a Torino non hanno preso nessuno, anzi è partito Emre Can,

Insomma, se c'è una società ed un allenatore che non può fallire quest'anno è Conte, non solo perchè è quello più pagato, ma anche la società che ha speso di più e che lo ripetiamo, non vince da più tempo. I bianconeri dopo 8 anni di vacche grasse potrebbero avere la pancia anche piena, altrove, no.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve