DA ZERO A DIECI - LO ZERO DEI CRITICI PER UNA JUVE CHE RICORDEREMO SEMPRE DA DIECI

21.04.2019 21:40 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
DA ZERO A DIECI - LO ZERO DEI CRITICI PER UNA JUVE CHE RICORDEREMO SEMPRE DA DIECI

La Juventus vince il suo titolo e sono otto, una cavalcata trionfante, una delle più belle per continuità, forza, consapevolezza e forza, uno scudetto che la Juventus ha voluto perche aveva preso il migliore e perché in stagione ha saputo nascondere i grandi problemi che hanno caratterizzato la stagione:gli infortuni. Non è mancato Cristiano Ronaldo ma sono mancati molti altri calciatori. Uno scudetto che conferma la grande abilità di Allegri di gestire le corse a tappe, cinque scudetti sono qualcosa di unico. 

ZERO- alle critiche, giusto dire che in Champions c’è stata una delusione, sbagliato andare a indicare come negativa una stagione solo perché non si è riusciti a raggiungere il trofeo, ci vuole prudenza e soprattutto capacità di valutare con lucidità una stagione che ha portato a Torino due trofei, vincere non deve essere mai scontato. 

UNO - come la voglia della società di essere sempre i numeri uno, di comprare il numero uno come Ronaldo, di voler sempre primeggiare e trovare le motivazioni anno dopo anno, nonostante gli avversari sappiano essere sempre competitivi, o almeno ci provino.

DUE - come le prodezze di Federico Chiesa ieri, il migliore visto in campo ieri, una prestazione da predestinato, di chi vuole imporsi, di chi vuole essere protagonista in una grande squadra, chi vuole vincere trofei e la Juventus sembra essere il posto giusto. 

TRE - come i protagonisti ieri bianconeri, da Alex Sandro che segna, a Ronaldo che genera il pareggio a Emre Can ancora una volta uno dei migliori. 

QUATTRO - alla Juventus del primo tempo, poteva finire male e la festa sarebbe stata rimandata, c'è stata fortuna, oggi si festeggia, ma le gare contro Ajax e Fiorentina, secondo tempo di martedì e primo di ieri devono essere analizzate con serietà per programmare il futuro. 

CINQUE - agli spazi concessi, tante ripartenze, tanti spazi, da una parte e dall’altra, entrambe le squadre hanno giocato un po’ con la testa altrove. 

SEI - al secondo tempo della Juve, nulla di eccezionale ma basta per vincere.

SETTE- a Federico Chiesa ed alla Juventus. Una prestazione buona sia della formazione di Montella che del

Giovane Chiesa che potrebbe essere un grande acquisto per la prossima stagione. 

OTTO - come l’infinito come il percorso di questa Juventus in Italia la squadra che ha vinto di più come campionati consecutivi in Europa, un qualcosa di unico, ma nessuno vuole fermarsi. 

NOVE - alla voglia di Ronaldo, anche nella partita che può valere meno ha sempre obiettivo, primo calciatore a vincere lo scudetto in tre campionati top come Italia, Inghilterra e Spagna.

DIECI - a questa Juventus, perché non smette mai di vincere, in campionato merita il dieci, da Allegri a tutti i calciatori, non perdiamo di vista la realtà è come sia difficile continuare a vincere anno dopo anno. Gli scudetti sono una corsa a tappe e la Vecchia Signora e’ come quei ciclisti che arrivano sempre al traguardo e vincono.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per essere sempre aggiornato su tuttojuve e sulle ultime news bianconere e di mercato