Mandorlini a TMW Radio: "Mancini è stato bravissimo a motivare di nuovo il gruppo"

26.09.2022 19:50 di Benedetta Demichelis   vedi letture
Mandorlini a TMW Radio: "Mancini è stato bravissimo a motivare di nuovo il gruppo"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Andrea Mandorlini ha parlato a TMW Radio nel corso della trasmissione "Piazza affari": 

Che ne pensa di questa gestione di Mancini?

“Non era facile motivare i calciatori. È stato bravissimo e speriamo lo sia anche stasera. Adesso è importante il risultato e stasera sarà una sfida difficile, in un ambiente molto carico”.

È importante fare anche sacrifici da un punto di vista di convocazioni per combattere il gruppo?

“Il tempo per il nuovo ciclo sarà così lungo che penso che anche quelli non chiamati in queste partite potranno trovare il loro spazio”.

L’allenatore azzurro ha schierato il 3-5-2 per lei può essere una soluzione nuova?

“I giocatori fanno il modulo quindi penso che le assenze abbiano portato a questo. Comunque si parla di alternative che gli allenatori vogliono dare ai propri giocatori. A me piace questo modulo che tiene l’Italia molto compatta anche se preferisco il 4-3-3”.

In questo periodo nascono soprattutto centrocampisti, una volta difensori e attaccanti, come mai per lei?

“È un periodo storico che è così e bisogna prendere il meglio che esce. Comunque Raspadori e Scamacca possono dare grandi prospettive. Io ho avuto la fortuna di allenare il secondo. I match come quello di stasera danno la possibilità di fare esperienza europea che è importante. Raspadori è un gran ragazzo con molta testa e io lo vedo più dentro al campo che come esterno”.

Nel ballottaggio Raspadori-Scamacca chi vede meglio? Per la difesa che ne pensa di Coppola e Buongiorno?

“Non è una scelta facile. Il primo probabilmente è più continuo ma il secondo ha più struttura fisica e secondo me il centravanti ideale per il 4-3-3. Su Buongiorno posso dire che l’ho visto e mi piace moltissimo. Di Coppola mi parlano molto bene. Comunque sono ragazzi che devono fare esperienza internazionale”.