TASTIERA VELENOSA - SARRI, I SUOI DUBBI SONO I NOSTRI

11.08.2019 18:05 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - SARRI, I SUOI DUBBI SONO I NOSTRI

Siamo d'accordo con Maurizio Sarri: “Abbiamo lavori in corso, nel primo tempo mi è piaciuta la qualità, chiaro che ripartendo da zero per i nuovi arrivi siamo ancora indietro in certe letture. Il secondo gol è un gol da non prendere mai, ma questo fa parte del lavoro.”.

La Juventus è un cantiere, una squadra che deve lavorare, tanto tanto tanto, quanto visto contro l’Atletico di Madrid è stato interessante, tanto possesso, anche buone occasioni, ma la squadra di Sarri non è questa ancora e si vede benissimo, ci sarà tanto da fare per poter ottenere i risultati sperati. 

Soprattutto le paure di Sarri, sono un po’ anche le nostre, c'è molto da fare sul mercato e forse poco tempo per farlo: “la Juve deve fare 6 tagli per la lista Champions, questo non l'ho letto mai da nessuna parte. Le scelte se no sembrano folli. Noi dobbiamo tagliare sei giocatori dalla lista Champions dalla rosa attuale e questo ci mette in difficoltà. Magari abbiamo in testa soluzioni, ma se il mercato non ci viene incontro inutile averle in testa. Gli ultimi 20 giorni di mercato saranno difficili per noi, è una situazione difficile, imbarazzante, perché rischiano di rimanere fuori dalla lista giocatori di altissimo livello. Situazione che dobbiamo risolvere e non strettamente collegata a scelte dell'allenatore e della società.. Sei vanno tagliati, dipende dal mercato. Io li vorrei tenere tutti, il nostro problema è che non abbiamo giocatori cresciuti nel club, ne abbiamo solo uno. Quindi la nostra rosa in Champions sarà di 22 giocatori con tre portieri e questo ci mette in difficoltà perché il mercato magari ci porterà a fare scelte che non vorremmo fare. Dobbiamo andare a lavorare sui dettagli che a tratti non sembrano significativi incidono sul risultato. Non so quanto è la mia Juve in percentuale, ma so che nei ragazzi sta entrando nella testa la voglia di condurre la partita.”.

Le scelte di mercato, quindi, rischiano di dover influenzare tutto il resto, con la dirigenza che dovrà fare i salti mortali per trovare le giuste pedine da inserire se ci saranno ancora degli acquisti. 

JUVE NON PRONTA - Sarri lascia qualche dubbio quando parla della condizione delle sue squadre, che a volte non sono pronte ad inizio stagione: “Io di solito non ci arrivo pronto. Escluso il Chelsea, che mi sembra di essere l'allenatore esordiente in Premier rimasto imbattuto per più tempo, nelle esperienze italiane ho sempre fatto fatica. Il Napoli vero venne fuori alla prima partita europea a metà settembre. Speriamo”.

La paura di non essere prontissimi al primo match c'è, così come ci possano essere anche scelte impopolari per i sei tagli europei, del resto Spinazzola e Kean sono state due cessione e scelte societarie, magari a Torino si inventeranno qualcosa d’altro. 

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve