TASTIERA VELENOSA - LA JUVE PAGA L’ERRORE DI GENNAIO

19.07.2020 14:20 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - LA JUVE PAGA L’ERRORE DI GENNAIO

La Juventus sta pagando dazio, è innegabile. Le recenti rimonte subite ed il rendimento sicuramente non memorabile della difesa aprono il dibattito sulla campagna acquisti invernale che ha portato Kulusevski in bianconeri, da fine agosto ma non ha sicuramente aumentato il livello della squadra. Altrove hanno speso di più e forse meglio. Oggi tutti stanno ad elogiare l’Inter, dimenticandosi che è la società che a gennaio ha investito di più, per guadagnare cosa poi, era a sei punti virtuale dalla Juventus sette gare fa ed è attualmente a sei punti dai bianconeri. Insomma, investimenti importanti per un guadagno ancora da verificare. 

In casa Juve, però, è innegabile che a gennaio abbiano commesso un errore di superficialità, si poteva e forse si doveva, gestire meglio la campagna acquisti. Emre Can è stata un’ottima operazione dal punto di vista finanziario, ma una grossa perdita sotto il profilo tecnico. A Dortmund ha trovato subito la maglia di titolare diventando un calciatore importante, alla Juve non era utile? Oltretutto si tratta di un calciatore fisico capace anche nella fase difensiva e nell’inserimento, paga lo scarso feeling con Sarri, ma l’allenatore non poteva essere meno categorico? Un errore grave considerando il reparto oggi. Errore ripetuto anche con la cessione di Mario Mandzukic, il croato non accettava la panchina, ma era un calciatore che poteva risultare molto utile non avendo una quarta punta. 

In stagione quando è mancato uno tra Dybala, Cristiano Ronaldo e Higuain, non c’erano alternative, se non i calciatori dell’Under 23, forse si poteva anche in questo caso gestire diversamente la situazione. 

Vedremo cosa succederà tra campionato e Champions, sicuramente a gennaio la Juventus era difficile da migliorare, ma alcune scelte hanno finito per incidere negativamente.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve