L'IMBOSCATA - Telenovela Higuain finita? Non per la Juve: problema "paletti". Recapitato pacco "monstre" alla Continassa. Preziosi, i 36 milioni e la beffarda coincidenza. E Agnelli...

Andrea Bosco ha lavorato al “Guerin Sportivo“, alla “Gazzetta dello Sport“, al “Corriere d'Informazione”, ai Periodici Rizzoli, al “Giornale“, alla Rai e al Corriere della Sera.
25.01.2019 00:15 di Andrea Bosco   Vedi letture
L'IMBOSCATA - Telenovela Higuain finita? Non per la Juve: problema "paletti". Recapitato pacco "monstre" alla Continassa. Preziosi, i 36 milioni e la beffarda coincidenza. E Agnelli...

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan. Telenovela finita? Per il Milan, sì: non per la Juve .

Il comunicato ufficiale della Juventus recita che Higuain va in prestito al Chelsea per 6 mesi “senza significative variazioni“ dal punto di vista economico. Tradotto: probabilmente il prestito ai londinesi non sarà pari ai 9 milioni che il Milan avrebbe dovuto corrispondere. Ma neppure dovrebbe esserci un “bagno“ .

Il peggio è arrivato dal resto del comunicato. Il Chelsea potrà (se vorrà) estendere il prestito, per una cifra pari ad  ulteriori 18 milioni nella stagione 2019-2020. O (sempre se vorrà) acquisire  definitivamente Higuain per una cifra complessiva di 36 milioni.

Il problema è il contesto correlato all'accordo.

I “paletti“ (rivelati dalla stampa britannica) che il Chelsea avrebbe  imposto alla Juventus.  Questi, secondo la stampa inglese: terzo posto in Premier. E conquista dell'Europa League.

 Quindi Higuain, dovrà essere (tra i paletti) veloce come Alberto Tomba. Altrimenti a giugno (2019) tornerà alla Juventus . 

E' più probabile che il sottoscritto a furor di popolo (come Ambrogio a Milano) venga eletto arcivescovo di Antiochia che Higuain sfrecci come Thoeni. E anche lo facesse, anche segnasse a raffica, rigenerato da Sarri, basterebbe (basterà?) per portare il Chelsea al terzo posto in Premier e soprattutto i londinesi alla conquista dell' Europa League? E (non voglia la Dea) se Higuain patisse un infortunio ?

Il Milan mettendo alla porta Higuain ha recapitato alla Juve un “pacco“ monstre .

Ma stanno raccontando altro: una cortina fumogena per giustificare il comportamento del Milan .

E' Higuain – Leonardo dixit - che ha fatto “altre scelte“. E Leonardo, notoriamente, non mente. Stanno raccontando che  Higuain è stato poco professionale. Che ha deluso. Che a Gedda voleva andare in tribuna . Che a Genova non ha voluto giocare.  Che si è allenava male a Milanello. Che dopo aver sbagliato il rigore contro la Juve è “imploso“ . Che è debole di carattere. Che è scappato. Che la sua è stata “una sconfitta“. Che non è un trascinatore. Che è un giocatore in fase calante.  Persino che “via Higuain , al Milan è tornato il buonumore“ .

Cosa avrebbe dovuto fare Higuain dopo l'invito a “pedalare“ di Leonardo? Avrebbe dovuto fare il Fracchia?.

 “ Siiii, ha ragione direttore, mi frusti. Come è buono lei, direttore “ .

 Avrebbe dovuto rispondere così ?

Mi attengo ai fatti.

 Prima considerazione . Certamente dopo i 36 gol nella sua ultima stagione a Napoli, Higuain, alla Juve ne ha segnati di meno. Ma sono stati gol pesanti,  decisivi per gli scudetti di Allegri. Ha sempre segnato: in Argentina, al Real, a Napoli, alla Juventus. Non lo ha fatto con continuità al Milan. Per sue esclusive colpe? Il Milan non ne ha alcuna? Chi ha costruito il Milan (non certamente attorno ad Higuain) non ne ha?  Il campo, Sarri ed il Chelsea diranno se Higuain è un giocatore al capolinea. O se è il Milan che dopo aver “ bruciato “i vari Silva, Kalinic, Bacca, in sei mesi ha bruciato anche  Higuain. Ora tocca a Piatek: auguri .

La seconda: non è vero che il Milan non aveva i quattrini per riscattare (in assenza del quarto posto in campionato) Higuain. Ne ha spesi 35 ( più bonus )  per Paqueta. E altri 35 ( più bonus ) per Piatek.

 I conti fateli voi. E poi magari fate una telefonata a Nyon per capire dall'Uefa se questa storia del fair play finanziario per il Milan vale o meno . Ma se vi fidate di Gazidis (“Il Milan sta operando nel recinto dei parametri Uefa“), la telefonata potete risparmiarvela.

Viene comunque a cadere la “balla“ dell'impossibilità da parte del Milan di sottoscrivere un “ obbligo“ in guisa del “diritto“ ottenuto dalla Juve per Higuain .

 I 35 milioni il Milan, per Piatek, li scucirà in un un'unica soluzione. E a sentire Radiomercato, neppure hanno finito con i “rattoppi“ di gennaio .

La terza: 54 è il numero magico (nel giro di partita estivo) tra Juventus e Milan. 54 milioni. Tanti ne sono "usciti“ (i 32 che il Milan ancora doveva per Bonucci + i 22 della valutazione di Caldara). Altrettanti avrebbero dovuto entrare nelle casse della Juventus per la cessione di Higuain (9 + 9 di prestito) più altri 36 di riscatto . Avrebbero.

 Leonardo è per la Juventus quello che la kriptonite è per Superman:  letale.

Marotta (era ancora il dottor Beppe l'ad della Juventus )  siglando la combinazione Bonucci-Caldara-Higuain , deve essersi dimenticato di come Leonardo gli sfilò da sotto al naso  (lasciandolo con la penna in aria ), Verratti.

Poi, sulla vicenda, ne sento e ne ho sentite di ogni.

 Persino Ciro Venerato sostenere a “L'altra domenica“ che alla fine, da questa situazione“ la Juve ci guadagnerà“ .

Sono amico di Venerato e ne rispetto il lavoro. Per questo chiedo: “Ciro, visto che a Lollobrigida e a Marocchino non l'hai spiegato, vuoi provare a spiegarlo a me in quale modo, la Juventus da questa vicenda, potrà mai guadagnarci?“. Perché, ti fossi distratto, la Juventus quei 54 milioni li ha già messi a bilancio. E adesso, bene che vada, quei soldi li incasserà ( se li incasserà ) nel 2020 o magari nel  2021. Ma potrebbe non incassarli.

Con la beffa di vedere i “suoi“ 36 milioni finire - al centesimo – nelle casse di Preziosi . I 36 milioni che il Milan non pagherà per Higuain, sono stati messi su Piatek. 

 Resta da capire come avrà preso la cosa Andrea Agnelli. L'uomo tende a “non dimenticare - "gli sgarbi. . 

Quei 36 milioni, comunque, la Juventus non li avrà- a meno di miracoli- da destinare al mercato.

Certo: dai tanti giovani che ha in giro, racimolerà un tesoretto. Ma con il tesoretto al massimo riesci a prendere Tonali. Se il giovanotto dovesse mai “degnarsi“. Considerato che ha spiegato che “ gli piacerebbe essere allenato da Gattuso“ .

Ma non è con i Tonali o con i Romero (pare sarà una operazione alla Caldara) ,eventualmente i Kouamè (piace, pare) che la Juventus della prossima stagione potrebbe rafforzarsi. Una società come la Juve si rafforza con i De Ligt. Forse  con gli Eriksen, visto che Pogba sembra - ormai difficilmente abbordabile. 

 Ma nonostante il “pacco Leonardo“ e l'eventualità di essere costretta ad  operare in sordina, il saldo, (considerato l'arrivo certo di Ramsey) per la Juve risulta già in attivo.

 A patto di non cedere i Dybala e gli Alex Sandro. 

Benatia è dato in uscita. Anche per lui, “effetto Leonardo". L'ex Bayern avrebbe dovuto essere nel pacchetto Bonucci-Higuain. Ma Leonardo pretese Caldara. E Marotta, accettò. Avesse detto di no, cosa sarebbe successo? Bonucci sarebbe rimasto al Milan? Ma per favore. 

Non so cosa accadrà. Ma la vicenda potrebbe complicare (e di molto) le cose in casa Juventus. Anche perché la Juve ha perso una posizione (ora è undicesima ) nella classifica dei “ricavi“. Sotto ai 400 milioni di euro. E 36 milioni  (in forse) non sono bruscolini .

Il Milan del Cavaliere cedeva quale “ risarcimento “ alla Juventus un Abbiati, per l'inopinato infortunio di Buffon al Trofeo Berlusconi. Il Milan di Leonardo ha mostrato davvero un altro stile .

 Se questo tipo di “mandrakata “ dovesse poi prendere piede, si sarebbe trovato il modo per danneggiare ( legalmente ) sul mercato le concorrenti .

Dovrei parlare dell'imminente Lazio – Juventus. Ma non ne ho voglia. La vicenda Higuain mi ha disgustato.

 E' una brutta storia. Lo sarebbe stata anche se nel tritacarne fosse finita una società diversa dalla Juventus . Questo è un “ precedente “: pericoloso. Molto pericoloso.