TASTIERA VELENOSA - ARIA DI CAMBIAMENTO, LE POLEMICHE VENTO PER I NEMICI, TENTATIVO DI DESTABILIZZAZIONE, ECCO I PRIMI ATTACCHI

06.09.2019 15:15 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - ARIA DI CAMBIAMENTO, LE POLEMICHE VENTO PER I NEMICI, TENTATIVO DI DESTABILIZZAZIONE, ECCO I PRIMI ATTACCHI

Prima la rosa ampia, poi le esclusioni ed i famosi esuberi, come prima c’era stata la tuta e le polemiche per essere antiJuventino. 

Sembra chiaro che quest’anno ogni presupposto sembra essere quello giusto per sminuire il lavoro della Juventus e di Maurizio Sarri che zitto zitto senza nemmeno andare in panchina ha vinto le prime due gare stagionali.

Nonostante questo ed un buon gioco, l’opinione pubblica e’ tutta per il nuovo che avanza e poco importa se sarà il Napoli o l’Inter.

Chiaro il tentativo di accentuare certi casi, la rosa numerosa, infatti, non deve essere un problema ma un’opportunità da sfruttare per non arrivare con la lingua a penzoloni a fine stagione.

DA EMRE CAN A DYBALA - senza parlare poi dei giocatori. Higuain nemico di Sarri dopo l’esclusione in Europa League, diventa un Higuain determinante con il Napoli, allo stesso modo Khedira e Matuidi, gli esuberi che invece giocano titolari nelle prime due partite di campionato, tutto questo senza pensare a Emre Can e Dybala. Il secondo è voluto rimanere fortemente a Torino e presto sarà un punto forte della formazione di Sarri, pronto a essere utile come lo è per la nazionale del suo paese. 

Adesso vedremo, se Emre Can sarà realmente un caso come dice qualcuno o soltanto una situazione da gestire, di gruppo. La sensazione è che il mondo bianconero sia tutto con Maurizio Sarri, un allenatore che ha tutto per fare bene a Torino, la società gli e’ vicino e non c'è nessuno scontro con Fabio Paratici, prepariamoci ad una stagione dura è difficile, ma a Torino sono pronti e non si fanno e faranno intimidire anche se ovunque tifano per un’alternanza tra i vincitori del titolo.  

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve