ALLEGRI SI VEDE AL COMANDO, MA LO SAPREMO STASERA

01.12.2023 09:00 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
ALLEGRI SI VEDE AL COMANDO, MA LO SAPREMO STASERA
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Antenne dritte, questo il messaggio in vista della trasferta di Monza, un match complicatissimo che potrebbe dare il primo posto in classifica, ma anche togliere molto se non venisse interpretato nella maniera corretta, Massimiliano Allegri sottolinea come sia una formazione molto insidiosa: "Oltre che ancora non ha perso in casa, il Monza è l'unica squadra che l'anno scorso ci ha portato via sei punti e non abbiamo fatto nemmeno un gol. È una partita difficile e importante, importante come saranno quelle che verranno a seguire. Ma soprattutto domani dobbiamo dare seguito al pareggio in casa con l'Inter. Abbiamo una buona classifica, ma non abbiamo fatto ancora niente e nel calcio si sa che come lasci un attimo e magari giochi una partita al di sotto delle nostre caratteristiche rischi di perdere, vincere le partite non è facile. Abbiamo sei partite che ci portano alla fine del girone di andata. Abbiamo 4 trasferte. Abbiamo Monza, Genoa, Frosinone e Salernitana. E abbiamo gli scontri diretti in casa. Abbiamo ancora tutto da giocare e bisogna dare un passetto alla volta. Domani affrontiamo una squadra molto buona, ben guidata e con buoni giocatori. Ha messo in difficoltà tante squadre. I numeri lo dicono. È una squadra che fa la differenza nella fase difensiva. Nelle ultime 10 partite in tre partite ha subito solo 3 gol e nelle altre 7 ha subito solo un gol a partita. Questo dice che è una squadra che difende tutta insieme"

La squadra sta abbastanza bene e recupera degli elementi, tra gli infortunati Danilo e Alex Sandro saranno a disposizione, ci sarà anche Locatelli, ma da capire se dall'inizio, oppure no. 

La squadra ha il dovere di fare il meglio possibile cercando di ottenere il meglio da una trasfera che si preannuncia molto complicata. 

Allegri punta molto sui due attaccanti che hanno fatto bene contro l'Inter: "Chiesa e Vlahovic hanno fatto una buona prestazione ma gli altri stanno bene. Ci sono stati momenti in cui giocavano Kean e Milik, domenica hanno giocato Cheisa e Vlahovic e hanno fatto bene. L'ho detto anche ai ragazzi noi quest'anno abbiamo l'obiettivo di tornare in Champions. Ci saranno dei momenti in cui qualcuno giocherà di meno ed è giusto che qualcuno sia arrabbiato. Però a livello anche di singoli tornare a giocare la Champions è molto importante. Quest'anno ha segnato 5 Vlahovic, 4 Chiesa, ora dobbiamo trovare i gol di Kean, deve tornare a segnare Milik o Yildiz quando giocherà .L'iImportante è vincere le partite indipendentemente da chi fa i gol. È normale che gli attaccanti avranno più possibilità, ma su questo stiamo lavorando e cerchiamo di migliorare"

Il tecnico si blinda e si vede sempre in bianconero: "Di solito in questo periodo si parla sempre di questo futuro. Ho un contratto con la Juventus fino al 2025, stiamo lavorando insieme e bene per quello che è il futuro della Juventus non solo del prossimo anno, ma dei prossimi anni. Io con i nuovi dirigenti, l'amministratore delegato Scanavino, con la proprietà sono rapporti da dieci anni, con il nuovo direttore sportivo Giuntoli, con Manna, c'è un buona armonia per creare, con tutto il settore giovanile a cui tengo molto, per far sì che il futuro della Juventus sia importante. Perchè una cosa che ho imparato quando sono arrivato nel 2014 è che nella Juventus passano gli uomini ma rimane il dna della Juventus, bisogna stare zitti, tenere il profilo basso e lavorare, il resto non conta niente. Con questa nuova dirigenza val molto d'accordo per cercare che la Juventus abbia un futuro non solo immediato ma dei prossimi anni". 

La gara contro il Monza è importante, deve confermare che la Juventus sta bene ed un successo la metterebbe in testa per due giorni, Allegri si vede al comando della Juventus, ma se lo sarà effettivamente e per almeno due giorni sul serio, lo vedremo stasera.

Clicca qui; Segui Massimo su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve