TASTIERA VELENOSA - QUAL È LA PARTE FORTE? CONTE E LA FRASE COMICA, SE COMINCIAMO COSÌ....

16.09.2019 22:15 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
TASTIERA VELENOSA - QUAL È LA PARTE FORTE? CONTE E LA FRASE COMICA, SE COMINCIAMO COSÌ....

Antonio Conte lancia la prima polemica di stagione e lo fa rispondendo senza essere stato interpellato, del resto Maurizio Sarri aveva parlato in termini generali senza riferimento a qualcuno in particolare, Conte ha deciso di rispondere ad una domanda tendenziosa aprendo a successive risposte che sicuramente arriveranno: “Non voglio dire niente perché altrimenti dovremmo tirare in mezzo i bilanci e gli stati patrimoniali. Però qualcuno deve stare tranquillo e sereno perché adesso sta dalla parte forte”.

I DUE TEMI - sono due i temi che Conte ha messo in mezzo, i bilanci e gli Stati patrimoniali, oltre alla parte forte. Sul primo non capiamo cosa voglia dire, forse che il bilancio della Juve è in rosso?O forse che la Juventus spende di più? Non proprio a vedere l’ultimo mercato, in cui la Juventus ha chiuso il mercato in positivo, mentre l’Inter con il saldo tra entrate ed uscite tra i più alti in assoluto, quindi sotto questo aspetto, bisognerebbe evitare di tirare fuori certi discorsi. 

Passando, invece al discorso della parte forte, anche in questo caso, non capiamo cosa volesse dire, forse che a Torino sono forti come società o altro? Fare un complimento? Sicuramente queste frasi dette e non dette non possono far piacere a quei tifosi che lo hanno sostenuto da sempre. Quando è stato squalificato quella parte “forte”, l’ha abbracciato e non l’ha abbandonato come chiedeva qualcuno, bisognerebbe tenerlo presente. 

Evitiamo di fomentare una polemica, ma noi conosciamo solo la parte di una squadra che è forte che ha vinto tre anni con Conte e poi cinque con Allegri, stabilendo una continuità di Vittorie mai vista. Quest’anno sarà difficile. Bravo Conte nel prenderci in giro quando dice: “Restiamo con i piedi per terra: noi dobbiamo fare grandi cose, ma le altre devono fare disastri per vincere lo scudetto”. Chiaro il riferimento, secondo cui, per perdere lo scudetto la Juventus debba fare un disastro, evidentemente è più facile vincere nove volte di fila che una dopo otto anni di magra, fosse così ci sarebbe da ridere. 

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve