Qui Tuttosport - Xavier Jacobelli: "Mckennie e Arthur imprimono una svolta al centrocampo e la Juve ora crede nella rimonta Scudetto. Continua la trattativa per Scamacca, ma intanto sta sbocciando Kulusevski"

25.01.2021 14:25 di Xavier Jacobelli Twitter:    Vedi letture
Qui Tuttosport  -  Xavier Jacobelli: "Mckennie e Arthur imprimono una svolta al centrocampo e la Juve ora crede nella rimonta Scudetto. Continua la trattativa per Scamacca, ma intanto sta sbocciando Kulusevski"
TuttoJuve.com

Ogni lunedì la redazione di Tuttojuve.com analizza i temi caldi del nostro calcio con una delle firme più autorevoli del giornalismo sportivo italiano, Xavier Jacobelli, direttore di Tuttosport. Ecco il suo intervento:

"Weston Mckennie ed Arthur sono i due nomi al centro dell'attenzione alla conclusione del girone d'andata, fermo restando il fatto che Juventus e Napoli e Napoli debbono ancora recuperare la loro partita non disputata il 4 ottobre scorso. Mckennie ed Arthur hanno impresso una svolta al centrocampo di una Juventus assolutamente corroborata dal successo nella finale di Supercoppa di Lega e contro il Bologna,  capace di cogliere quella vittoria che cercava per ridurre ulteriormente il distacco dal Milan e dall'Inter, domani sera impegnate nel derby di Coppa Italia. E' una Juventus che crede sempre di più nella possibilità di aggancio al vertice, probabilità di rimonta che gli stessi giocatori bianconeri alimentano in virtù di una prestazione, quella contro il Bologna, che - è vero - ha visto ancora Szczesny tra i migliori in campo, ma è altrettanto vero che è stata positiva dal punto di vista della fluidità della manovra, della creazione delle occasioni da gol, del recupero di elementi importanti, come l'americano, il brasiliano, per non dire poi di De Ligt che ha disputato scampoli finali della partita ed è rientrato dopo la negativizzazione al Covid.

E' evidentemente una Juventus che crede sempre di più in se stessa e che ha compiuto un altro passo in avanti verso la costruzione di quella squadra cui aspira Andrea Pirlo, che non a caso sottolinea come recuperando a uno a uno i giocatori infortunati, in primis Dybala, che dovrebbe rientrare a cavallo tra la fine del mese o molto più probabilmente all'inizio di febbraio, è una Juventus che diventa sempre più competitiva.

Vedremo poi cosa accadrà da qui alla conclusione del mercato, se Scamacca sia il quarto attaccante bianconero, pronto a diventare tale. La trattativa con il Sassuolo continua per un prestito che però la società emiliana desidererebbe trasformare in una cessione sia pure diluita nell'arco di 18 mesi con la formula del prestito con obbligo di riscatto.  Nel frattempo è evidente che questa Juventus si prepari ad una abbondante rotazione di titolari in occasione del confronto di Coppa Italia con la Spal, nei Quarti di Finale, partita secca in programma mercoledì.

Ma è altrettanto evidente quanto Paratici abbia azzeccato la scelta di Mckennie, rammentando alcune perplessità che vennero sollevate da parte della tifoseria e della critica, nel momento in cui venne ingaggiato il 22enne centrocampista della Nazionale statunitense, che invece alla quarta segnatura in bianconero fra campionato e coppe ha dimostrato quanto sia importante il dinamismo, sia la vivacità, sia la solidità che conferisce all'azione di un centrocampo dove Kulusevski, partita dopo partita, assume un ruolo sempre più importante. Salterà per squalifica la prima giornata di ritorno, ma il 20enne giocatore svedese dimostra come il suo processo di inserimento nella Juventus sia già a buon punto, mentre Arthur dà al centrocampo bianconero quelle geometrie che erano clamorosamente mancate nel confronto con l'Inter. Un'Inter che adesso si ritrova alle porte un derby di Coppa Italia che precede quello di campionato il 21 di febbraio prossimo, contro un Milan che deve e vuole rialzare subito la testa dopo il 3-0 che la scatenata Atalanta di Gasperini gli ha inflitto in una delle partite più interessanti e più belle dell'anno soprattutto per quanto concerne la prestazione di alto livello fornita dalla formazione bergamasca".