ALLEGRI a MEDIASET: "La gara con il Benfica è importante ma non decisiva"

13.09.2022 21:39 di Martino Cozzi   vedi letture
ALLEGRI a MEDIASET: "La gara con il Benfica è importante ma non decisiva"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

L'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato ai microfoni di Mediaset alla vigilia della gara con il Benfica. Queste le sue parole sintetizzate dalla redazione di TuttoJuve.com

Il rientro di Di Maria potrebbe essere importante. 
"Domani è a disposizione, vedrò se schierarlo dall'inizio o meno". 

Come arriva la Juventus a questa gara alla luce di quanto successo contro la Salernitana? In questo inizio di stagione il Benfica sa solo vincere.
"Ci arriviamo bene. Abbiamo chiuso il capitolo Salernitana, ora tocca alla Champions e al campionato ci penseremo da dopodomani. Il Benfica è una squadra che vince in continuazione che ha tecnica. Giocare contro di loro è sempre difficile, per noi domani è una partita non decisiva ma importante". 

Hai la sensazione che questa partita possa essere quella della svolta?
"Abbiamo tante partite davanti, domani è una gara importante ma non decisiva. Bisogna avere sempre fiducia nelle cose che facciamo: veniamo da un pareggio in casa con la Salernitana, in campionato ci mancano dei punti. In Champions domani vedremo di far bene". 

Qual è l'atteggiamento che vuoi vedere in campo contro il Benfica?
"L'atteggiamento di una squadra compatta, di una squadra che sa che quando abbiamo la palla dobbiamo giocare bene e fa delle buone cose. Quando non ce l'abbiamo dobbiamo difendere, che non è vergogna". 

E' possibile vedere Vlahovic e Milik assieme?
"E' possibile, ma ho anche dei dubbi a centrocampo". 

Entrando in campo ti sei girato verso la zona destra del campo? La "zona Candreva" diciamo. 
"Ormai è una questione chiusa, sono cose che capitano. Dobbiamo pensare solo a stare zitti e a lavorare, a concentrarci su ciò che dobbiamo fare in campo. Nel calcio c'è sempre stato un arbitro che decide, ora c'è anche il VAR. Noi dobbiamo solamente pensare a fare le cose nel modo migliore, migliorare le cose che dobbiamo fare. Poi dopo gli altri faranno le cose che devono fare loro". 

Hai la percezione di essere riuscito a riportare la squadra dentro la concentrazione per la gara di domani?
"Quando si gioca la Champions, per un allenatore è anche più facile riportare la concentrazione. In campionato abbiamo tempo per recuperare, in Champions domani è una partita importante".