Oggi e Domani - 3ª g.) Parma 1 Juventus 2 (Stagione 2018-2019)

Racconti in bianconero, tra passato e presente
12.10.2018 00:30 di Michele Messina   Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Oggi e Domani - 3ª g.) Parma 1 Juventus 2 (Stagione 2018-2019)

Le Catastrofiche Previsioni di Sir Adrian Toomes, esperto in previsioni al contrario

(testimoni Mimmo e Henry “Paoletto” Osborne 2 ottobre ore 15,12) :

“Vedo e prevedo la certissima vittoria degli amatissimi rossoneri in quel di San Siro, l’11 novembre, e la prima sconfitta bianconera sarà! E tre giorni dopo ci sarà la vittoria del Castro contro il Bari, l’ho detto sà! So forte sà! Milan di tutto di più…..Higuaiiiiiiiin! E ora me prendo il caffettino e il cornettino dalla Bimbetta bionda, tanto bella sà! Uuuuuuuuhhhh! Godo! Godo! Godo! Tanto godo sà!”  

Tre partite, tre vittorie, primi solitari in classifica, ma Cristiano Ronaldo ancora non ha segnato la sua prima rete italiana e così aumenta la rabbia di molti tifosi juventini verso Max Allegri. Monsieur Le Travin ha già fatto la sua scelta: il ritorno di Conte al posto di un eventuale Zidane. Fedele alla Linea non ho visto la partita, ero impegnato in un’uscita serale con Daniela, Bene e Giginho, sono le serate di Civita…Nova. Per viverla in tranquillità, avevo intimato a Bene di non tediarmi con gli aggiornamenti. La serata era giustamente calda e rumorosa, dopo aver sfiorato la savuzizza di Tonino U Giovane, Daniela ha scelto i maccheroni con il sugo con tanta salciccia e pochissimi funghi. Superando la negligenza di cambiare gli euro in talleri, moneta corrente della manifestazione, ho optato per la porchetta di Filippo, il macellaio di mia mamma. Mentre gli altri ordinavano, ho preso il posto al tavolo e ho sentito una voce: “Siamo in vantaggio per uno a zero” “Dio mio! Chi è che sta parlando?” “A quale fede calcistica appartiene?” Alla voce non è seguito un volto familiare, solo una voce persa nel nulla. Ho allontanato questa sensazione, controllando sul whattsapp dello Juve Fan Club Sibari, presente sugli spalti del Tardini: niente di niente, in poche parole nessuna notizia e nessuna comunicazione anche da parte del Vate, con il quale avevo preso accordi, dopo la seconda uscita dell’allenamento al ritmo di corsa tra le vie cittadine. Ho scoperto che riesco a percorrere dei tratti sempre più lunghi di corsa, superando gli obiettivi che mi pongo. Dopo aver visitato nel Castello Aragonese la mostra dei bachi da seta, la mostra dei quadri del professore Sangineto, evitato uno spettacolo di un prestigiatore di parole, siamo andati a bere una birra. Qui abbiamo incontrato Vincenzo, il Tonio, Mimmo e Alberto che scendevano giù, così mentre Il Tonio si intratteneva con Bene sui suoi viaggi tra Kiev, Roma e Udine, Vincenzo mi ha comunicato la notizia della vittoria bianconera per due reti ad una. La prova bianconera non è affatto piaciuta allo statistico delle serie minori, sottolineando che avevamo fatto ritornare al goal Gervinho. Mentre assistevo alla dotta dissertazione tattica del vice capo ultra, Mimmo mi ha comunicato il digiuno sotto porta di Cristiano Ronaldo. Ritornato a casa, mi sono subito connesso su Google, sarebbe stato inutile aspettare eventuali immagini in tivù prima del mattino dopo. Le ho trovate su un sito greco e successivamente arabo, infine mi sono lanciato sulle immagini di Mediaset, precedute da un mare di pubblicità. La formazione iniziale schierata dal Livornese era stata oggetto di numerosi interventi tecnici e tattici da parte dei membri dello Juve Fan Club Sibari, che si possono riassumere nella critica verso il mancato utilizzo di Dybala ancora una volta schierato in panchina, per fortuna c’era stata una chiusura finale che si può sintetizzare in: “L’allenatore juventino sa quello che fa, la stagione è lunga e richiede l’impegno di tutti e l’importante è non arrivare cotti al mese di maggio/giugno, periodo nel quale si vincono le coppe e gli scudetti.” Manzotin (copyright Alessandro) aveva portato in vantaggio i bianconeri dopo due minuti, intervenendo, con molta fortuna, su un cross di Cuadrado. Poi,come scrive Roberto, la squadra torinese si è seduta ed è uscito il Parma, che ha colpito la traversa su calcio di punizione e ha pareggiato in seguito ad una bella azione di Gobbi sulla sinistra. Enzuccio, posto in ottima posizione, davanti allo schermo nella Teatro dei Sapori, si è molto rabbuiato e ha iniziato a sbrodolare disperato. Elena Tambini, elegante e disinvolta, ha evidenziato alla moviola il fallo di Pjanic, giustamente punito con il cartellino giallo perché contendeva il pallone, non tutti sono stati d’accordo sulla tesi dell’ex arbitro. Poi ha proposto il mancato rosso di Cuadrado su intervento in scivolata su Ceravolo, Ciro Ferrara non è stato per niente d’accordo su questa tesi arbitrale. Ma si era al 90’ minuto di giuoco, il signor Doveri di Roma non è stato promosso dagli antijuventini della penisola.

È iniziata la scuola, dal punto di vista burocratico, lunedì siamo stati impegnati nel primo collegio docenti dell’anno accademico 2018-2019. Due ore trascorse tra la voglia di andar via e il mal di stomaco del lunedì mattino, sono stato quasi ufficialmente nominato Addetto Stampa dell’istituto, dato i miei contatti con la stampa locale. Sarà un anno di notizie da controllare e da rifare. Intanto sono venuti Gregorio e Maria Teresa e il mio primogenito ha accettato di ricevere a Natale, come regalo abbinato agli altri, la maglietta di Cristiano Ronaldo. Sarà una bella spesa dato che la vogliono anche Maria Teresa e Michelinho. Per la Juve questo e altro! Il Castro contrariamente alle previsioni della Combriccola dello Sport ha superato il secondo turno della Coppa Italia di Serie D e ora tutti parlano della marcia inarrestabile verso la finale di Firenze. Si sa gli umori della piazza sono abbastanza variabili, come ha sottolineato Mario aspettando il Macedone, il quale appena arrivato ha iniziato a raccontare episodi di gioventù, quando il calcio era un giuoco meno ossessivo di adesso e la battuta era permessa almeno una volta al giorno.

Stefano Sturaro Story (quarta puntata):  Nessuna notizia da segnalare da parte di Monsieur Le Travin mentre Mister Maggico Gorzonzola è ormai diventato un affermato calciatore di calcetto, autore di due reti alquanto spettacolari (dixit Paulo Sousa) e dopo Gonzalo e Gorgonzola, abbiamo anche Ganzola.