TOUR DE FORCE, RISCHIO INFORTUNI

30.05.2020 00:05 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
TOUR DE FORCE, RISCHIO INFORTUNI

La Juventus si prepara per un vero e proprio tour de force, 20 partite in 78 giorni, subito il Milan, poi Inter o Napoli. Maurizio Sarri dovrà essere bravo a preparare bene la squadra per questa serie di incontri ravvicinati e sarà fondamentale utilizzare tutti gli uomini della rosa.

Il rischio infortuni con due match così ravvicinati dopo una lunga pausa è reale e quindi bisognerà capire molto bene come gestire la cosa. Bisognerà utilizzare il maggior numero possibile di elementi della rosa, ma soprattutto in queste settimane di lavoro bisognerà raggiungere una condizione tale da permettere due partite in pochi giorni, cosa che avviene dopo una lunga pausa a metà settembre, dopo due mesi di preparazione, in questo caso ci troviamo a poco meno di un solo mese.

ETA' MEDIA ALTA - uno dei principali problemi in casa Juve, nonostante l'alto livello e tante alternative della rosa, è rappresentato dall'elevata età media che sicuramente penalizza rispetto ad altre formazioni. Oltre a questo, alcuni elementi, hanno spesso problemi cronici, da Douglas Costa a Khedira, tanto per fare due esempi, per questo tante gare ravvicinate sono sicuramente un rischio.

Un rischio anche per Cristiano Ronado che Maurizio Sarri ha spesso gestito al meglio con un utilizzo ponderato. Se l'obiettivo è arrivare in fondo a tutto, non ci si può perdere da subito.

A Torino,probabilmente, avrebbero preferito un inizio più soft con maggiore possibilità di recupero, evitando un rischio infortuni che sembra realmente elevato. 

La speranza è che in questi giorni che ci dividono dalla ripartenza, la squadra possa riuscire a trovare una condizione sufficientemente buona da poter sostenere questo ritmo di gare.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve