Nicolini a RBN: "La Juve ha tutto per ribaltare la situazione ma il problema non è la rosa: è la condizione fisica"

22.09.2022 14:10 di Rosa Doro Twitter:    vedi letture
Nicolini a RBN: "La Juve ha tutto per ribaltare la situazione ma il problema non è la rosa: è la condizione fisica"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

"Mi è stato chiesto se la Juventus si era fatta avanti per De Zerbi ma ufficialmente io so di no. Poi non so se lo ha contattato direttamente. Per me però era l'allenatore giusto della Juve, ma non è che l'ho proposto io per la panchina bianconera come è stato scritto". A dirlo è stato il vice ds dello Shakhtar Donetsk Carlo Nicolini, che a Radio Bianconera è tornata sulle voci che volevano Roberto De Zerbi, ora in Premier League, verso la panchina della Juve. "Per me era perfetto per questa situazione in casa bianconera, perché è tra i più bravi in circolazione. Anzi, mi è sembrato strano che lo scorso anno che nessuno tra le big in Italia lo abbia preso in considerazione".

Poi ha provato ad analizzare la situazione della squadra di Allegri: "A differenza di tanti credo che il problema della Juventus non è la rosa. Vedo che camminano in campo, di correre non se ne parla e così non può andare avanti. Se si mette in mano a una persona che sa guidare questa macchina, la Juve è ancora favorita per lo Scudetto. Bianco? Hanno detto che ora vogliono dargli più spazio ma mi chiedo finora cosa hanno fatto? Mi sembra che ci sia una confusione in società. Si sono legati con un contratto lungo al tecnico attuale, altrimenti oggi avrebbero un altro allenatore. Contro il Benfica però abbiamo visto una squadra in slow motion e una che andava il doppio. Io vedendo le partite della Juve dico che l'aspetto mentale incide tanto sul fattore fisico e sulla voglia di correre, però sembra che ci sia anche un problema di preparazione fisica".

Nicolini che poi ha spiegato meglio la sua visione: "A livello tattico dico che ad oggi la Juventus ha tutto per poter tranquillamente ribaltare la situazione. Il problema della Juve poi non è che difende male, ma gioca talmente bassa che non ha una vera proposta offensiva. Ha un baricentro basso e non riparte. Vlahovic riceve palla ma è da solo lì davanti. Troppo facile dire che sono tutte le colpe di Allegri ora, una volta aveva giocatori molto più forti ma è anche vero che il calcio cambia. Probabilmente lui e il suo staff non sono più al passo con i tempi".