ESCLUSIVA TJ - Bruno Garzena: "Juve storia unica che non esiste altrove, Allegri è nato per allenare. Champions? La maledizione nasce nel 1958. Su Rugani e il consiglio ad Agnelli..."

23.03.2019 17:00 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Bruno Garzena: "Juve storia unica che non esiste altrove, Allegri è nato per allenare. Champions? La maledizione nasce nel 1958. Su Rugani e il consiglio ad Agnelli..."

Classe 1933, ha vestito la maglia bianconera tra il '54 e il '62 e ha collezionato oltre cento presenze nella Juventus con cui ha iniziato la carriera nell'autunno del 1945 precedendo di un anno, come ci ha tenuto a precisare, un certo signor Giampiero Boniperti. E, per questo, può esser considerato tranquillamente come una delle memorie storiche del club. Stiamo parlando dell'ex terzino Bruno Garzena, che in una piacevole chiacchierata con TuttoJuve.com ha parlato del momento bianconero e non solo:

Come sta giudicando, dunque, il momento bianconero? Che bilancio possiamo fare fin qui della Juventus?

"Questa Juventus è impressionante, a volte la sensazione è che non lasci partita all'avversario. E' una squadra completa e ben condotta dalla società che è al primo posto di ogni successo. Non credo che la Juve abbia bisogno di rinforzarsi con grandi nomi, a mio parere può aver bisogno di giocatori giovani che hanno voglia di mettersi in mostra. Magari dei difensori da affiancare a Chiellini, Bonucci e Barzagli da cui potrebbero imparare tanto".

A suo parere, il segreto del successo è legato all'appartenenza e all'origine di questa società? Perché a differenza degli altri grandi club italiani, il presidente della Juventus è discendente di una grande famiglia che è sempre stata vincente nella storia contemporanea.

"Sì, è legato al nome della famiglia e all'appartenenza piemontese. E' una storia unica che non esiste altrove, dura da quando Edoardo - il nonno di Andrea - divenne presidente della Juventus nel 1923. Questo filo conduttore è importantissimo".

Diceva che la Juventus ha bisogno di giocatori giovani in difesa da affiancare alla BBC, ma c'è già Daniele Rugani che presto potrebbe spiccare definitivamente il volo.

"E' un buon difensore e ha tutte le qualità per esserlo, ovvero la corsa, la tecnica e la fisicità. Ma gli manca un fondamentale: la personalità da Juventus. Questa è davvero una lacuna pesante. Lo vedo fare sempre il compitino e questo tipo di calciatore non mi piace, va bene averne qualcuno in rosa ma più ne hai e più diminuiscono le possibilità di vincere".

Però ai suoi tempi, fare il difensore era diverso.

"Ai miei tempi era tutto differente, ho giocato contro i più grandi e non appena sbagliavi c'era già qualcun altro che poteva sostituirti. Noterà che quando si osserva una partita dei miei tempi, il primo pensiero sembra che l'immagine sia rallentata. Se avessi 25 anni, sicuramente darei due metri a Chiellini e Bonucci perché la mia più grande qualità era lo scatto. Adoravo il calcio e avevo una passione sconfinata per questo sport, ma non ero una star e né avevo la testa per esserlo. Ricordo ancora che all'età di dodici anni andai in bicicletta a Piazza D'Armi per fare un provino con la Juventus".

A suo parere, Chiellini può considerarsi uno dei migliori della storia europea?

"La Juve ha avuto grandi difensori e sicuramente Chiellini può essere elevato a tale rango, a differenza di Bonucci ha un voto alto come giocatore ma raggiunge quasi la sufficienza come difensore. Nel testa a testa affronta l'avversario con troppa paura".

Quindi a livello di rosa, definisce questa Juventus una delle migliori di sempre?

"Ha giocatori straordinari, ma il massimo per me è stato l'anno in cui Conte diceva che 'con 10 euro non ti potevi sedere in un ristorante da 100 euro', perché in mediana avevi Vidal, Pogba, Marchisio, Pirlo e aggiungo Asamoah che giocava da ala sinistra pur di non restare fuori. Dovesse tornare è meglio che resti tranquillo, io sarò per sempre grato a lui per la magia che ha compiuto il primo anno quando portò la Juventus dal settimo al primo posto ma a mio avviso il suo problema è che litiga troppo con se stesso".

Che cosa ne pensa del suo condottiero, Massimiliano Allegri?

"Su Massimiliano Allegri esprimo due concetti in un unico pensiero: è un uomo intelligente che è nato per fare quel mestiere. Ha una virtù suprema difficilmente riscontrabile in altri allenatori. Io lo incontrai molti anni fa a Torino durante una cena natalizia, ci dicemmo tutto e niente. A chi mi chiese delle impressioni su di lui, risposi che l'abito più adatto a lui è quello della guida tecnica. Che cosa d'altro si può aggiungere?".

La risposta, francamente, sembra più che ovvia: la Champions League.

"La maledizione della Champions League è iniziata con me. Ricordo ancora molto bene quel momento. Vincemmo l'anno prima il campionato e la Coppa dei Campioni del 1958-1959, affrontammo al primo turno gli austriaci del Wiener che battemmo 3-1 mentre al ritorno non so che cosa ci successe. Forse decidemmo di andare a fare una scampagnata convinti del passaggio del turno, invece a Vienna finì 7-0 per loro".

Avrà sentito l'accostamento di Paulo Dybala ad Omar Sivori che è stato un suo ex compagno di squadra. Quale è il suo pensiero?

"Sivori era un giocatore assoluto, Dybala ha una qualità di alto livello ma l'accostamento non è per nulla corretto. Il numero 10 bianconero è stato fin qui molto criticato, ma a mio parere offre sempre il suo contributo. Per me è un bellissimo calciatore, lo farei giocare un po' di più rispetto a Mandzukic. Ho letto che potrebbe andar via per Icardi, il giocatore dell'Inter è un buon calciatore ma vorrei rimanesse Dybala".

Da memoria storica del club bianconero, ha voglia di raccontarci che cosa le è rimasto più impresso degli ultimi anni?

"Qualcuno ancora non è a conoscenza di ciò, ma sono vicino di casa di Pavel Nedved anche se non ci incrociamo molto spesso. Io non credevo possibile l'arrivo di Ronaldo, a chi me lo diceva gli facevo la pernacchia (sorride ndr). Oltre che essere un grande calciatore, è intelligente e soprattutto si è ben integrato nello spogliatoio. Ma c'è un fatto che vorrei raccontare, se possibile".

Prego.

"Ho una grande stima per Gianluigi Buffon, è andato via dalla Juve perché non potevi tenerlo come riserva. Non tutti lo sanno, ma un'ora dopo che esordì in campionato contro il Milan lo segnalai al dottor Umberto Agnelli che conoscevo perché eravamo cresciuti insieme da ragazzini. Ricordo che, testualmente, dissi che 'avevo visto il portiere dei prossimi vent'anni' e lui rimase molto sorpreso di queste parole. Mi invitò a parlarne con Giraudo, lo asfissiai e forse fu proprio per questo che lo comprò (ride ndr). Altri nomi consigliati? Un giocatore assoluto era Thuram, mi piaceva tanto anche se a volte terminava l'incontro senza aver sudato abbastanza".

Si ringrazia Bruno Garzena per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.