Juventus-Inter 3-2 - Cuadrado hombre del partido, è Rabiot il perno fondamentale. Il peggiore in campo è Bentancur

15.05.2021 20:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
Juventus-Inter 3-2 - Cuadrado hombre del partido, è Rabiot il perno fondamentale. Il peggiore in campo è Bentancur
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

SZCZESNY 6 - Un po' troppo spericolato su alcune uscite evitabili, ma tiene a galla la Juve su quel colpo di testa ravvicinato di Vecino. La sufficienza non gliela si può negare, ma non sembra esser tranquillo come in passato.

DANILO 6 - Fa la sua onesta partita, nella ripresa in apnea fa di tutto per difendere il fortino.

DE LIGT 7 - Il rigore provocato è solo una macchia alla sua grande prestazione. L'olandese è piaciuto e davvero tanto, soprattutto per come ha limitato Lautaro Martinez.

CHIELLINI 7.5 - Lo scontro con Lukaku lo esalta, è monumentale - come all'andata - e la perfezione gli sfugge per l'episodio controverso del 2-2. Rispetto ad una settimana fa, Giorgione nazionale torna a caricarsi sulle spalle la 'Vecchia Signora'.

ALEX SANDRO 6 - Qualche errore di troppo in uscita, ma è sempre attento in marcatura. 

CUADRADO 8 - E' l'hombre del partido per distacco, il primo gol è una piccola replica del gol siglato qualche anno e il secondo, sul rigore procurato da lui stesso, è la luce in fondo al tunnel. Perché se la Juve può sperare ancora nella Champions, è merito di Juan Guillermo Cuadrado.

BENTANCUR 5 - Il voto è frutto della prestazione vista in campo, non all'altezza e soddisfacente per i troppi palloni persi malamente. Il fallo su Lukaku nella ripresa, che gli costa un secondo giallo assolutamente immeritato, chiude qui la sua stagione in campionato più di ombre che di luci.

RABIOT 7 - Sufficienza piena e anche qualcosa in più per il 'Duca', alla sua partita migliore da quando è alla Juventus. Sempre nel vivo dell'azione e propositivo nel recupero palloni. Con l'uomo in meno, è il perno che consente alla difesa di respirare in qualche circostanza.

CHIESA 5.5 - La condizione fisica non è ancora ottimale per via di quell'infortunio rimediato a Bergamo, nella partita di Chiesa però non ci sono i soliti spunti e le cavalcate che lo hanno reso uno dei migliori stagionali. 

Dal 70' DEMIRAL 6 - Fa la sua partita, quella che deve fare un difensore subentrato in 10 contro 11 per aiutare i suoi compagni in difficoltà.

KULUSEVSKI 5.5 - Lo svedese è pimpante all'inizio, ma come spesso gli succede è impreciso e poco incisivo. Questa sera non si vede il suo meglio, è giovane e tra pochi giorni c'è già l'occasione di riscatto contro la sua ex Atalanta.

Dal 56' MCKENNIE 5.5 - Il mastino americano entra per rinforzare il centrocampo, ma nella solita quantità non emerge la qualità che conosciamo. 

RONALDO 6 - Si fa respingere il rigore da Handanovic, ma è lesto a ribadire in rete la sfera. Ronaldo poi scompare, nella ripresa complice l'espulsione di Bentancur esce completamente dalla partita. Non è tutta colpa sua, ma la sostituzione di Pirlo è corretta.

Dal 70' MORATA 6 - Dato come uno dei favoriti per partire titolare, Alvaro entra per cercare qualche ripartenza. E' più difensivo che offensivo, ma oggi va bene così.