Da plusvalenze a riforma agenti, 'Il giurista in campo'

04.10.2023 23:10 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Fonte: ANSA
Da plusvalenze a riforma agenti, 'Il giurista in campo'
TuttoJuve.com

(ANSA) - ROMA, 04 OTT - Dal caso plusvalenze, che ha visto coinvolta la Juventus, alla riforma degli agenti sportivi, passando per la Superlega. Sono solo alcuni dei temi trattati dall'ex calciatore e avvocato, Guglielmo Stendardo, nel suo libro "Il giurista entra in campo" (con prefazione del presidente del Coni, Giovanni Malagò), presentato oggi alla Luiss di Roma alla presenza di diversi ospiti, tra questi il presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini. "Volevo scrivere qualcosa che potesse interessare non solo agli sportivi, ma anche l'opinione pubblica e il libro mette in risalto i valori dello sport, che rappresenta una delle prime tre 'aziende' dell'Italia", ha detto Stendardo. L'ex calciatore ha svelato come nel libro sia presente anche il tema del dopo carriera degli atleti, spiegando come "ci sia un problema culturale in Italia nel non affrontare la questione". Di questo, invece, si fregia la Luiss con il suo percorso di dual-career che ha visto protagonisti campioni come la Goggia, Tortu e Tamberi. "Noi vinciamo le medaglie d'oro come le grandi università non italiane", ha aggiunto a riguardo Giovanni Lo Storto, dg della Luiss.

Casini, poi, si è soffermato su come trasformare in pratica l'ingresso in Costituzione dello sport. "Si deve partire dalla scuola perché la democrazia vive con la scuola. Il calcio migliora con la scuola, così come la vita", ha detto il n.1 della Serie A intervenuto insieme a tanti ospiti quali il capo della redazione sport dell'Ansa, Piercarlo Presutti, il presidente del Lecce, Saverio Sticchi Damiani, l'ex presidente della Roma, Rosella Sensi, l'avvocato Eduardo Chiacchio e l'avvocato e responsabile dell'ufficio legale della Figc, Giancarlo Viglione, quest'ultimo soffermatosi sui tempi della giustizia sportiva. "Non è vero che è lenta, i contenziosi su Lecco e Reggina quest'anno la giustizia sportiva li ha chiusi in 14 giorni", ha concluso Viglione. (ANSA).