LA LANTERNA VERDE - Bene i rinnovi ma serve anche più qualità per il futuro

16.11.2023 00:05 di  Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE - Bene i rinnovi ma serve anche più qualità per il futuro

Giuntoli sta facendo il suo lavoro e lo sta facendo egregiamente. Dopo aver blindato Danilo e Gatti, ora si sta muovendo per Bremer, Rugani e Szczesny. Mantenere intatta una difesa che, numeri alla mano, sta convincendo tutti sul campo è un’eccellente idea. Giuntoli, in questo modo, mantiene l’intelaiatura difensiva della squadra e, allo stesso tempo, può spalmare gli stipendi su più anni. L’ex dirigente del Napoli è stato assunto “per far quadrare i conti” e, in effetti, questa mossa va verso questa direzione. Bloccarli ora è il modo migliore anche per evitare che qualche altro club, magari con possibilità economiche migliori rispetto alla Vecchia Signora, possa avanzare proposte a cui sarebbe difficile rinunciare da parte dei diretti interessati. Bremer, da questo punto di vista, è l’esempio più eclatante. Il brasiliano ha tanti estimatori in Premier League, meglio blindarlo ora che tutto fila liscio…
Tuttavia, questi comunque importanti rinnovi non possono essere sufficienti per pensare ad una Juventus in grado di competere con le super potenze del calcio europeo. Serve qualche colpo ad effetto, di quelli che Giuntoli hanno dimostrato di saper fare in passato.

Diciamo che trovare almeno un futuro campione è un imperativo del massimo dirigente bianconero. Ci sta lavorando e, prima o poi, il colpaccio arriverà. Tutti sanno, in seno alla Juventus, che questa rosa ha un disperato bisogno di qualità. Ci sono ottimi giocatori, la squadra ha cuore, l’allenatore (checché se ne dica) sa fare il suo mestiere ma, onestamente, manca il talento puro, quello che, in passato, faceva parte del DNA di ogni formazione vincente bianconero. Vero, ormai di campioni ce ne sono in giro sempre meno ma la Juventus deve averne almeno un paio, sempre e comunque.
Eh sì, al momento non ci sono top player in rosa. E’ la sacrosanta verità. C’è chi potrebbe esserlo, come Chiesa o Vlahovic, ma, ad oggi, sono tutti ottimi giocatori ancora lontani dallo status di top player. Tanto per essere chiari: pensate a cosa sarebbe la Juventus con un Bellingham o un Mbappé in più, tanto per fare due esempi a caso… Ormai non sono più alla portata della Juventus? Altrettanto vero ma Giuntoli ha scovato Kvaratskhelia e ha compreso, prima di tanti altri, che Osimhen avrebbe fatto scintille. Ora è atteso al varco dal popolo bianconero che si attende un suo gioco di prestigio, dopo i rinnovi ovviamente… Chissà, magari sorprenderà tutti già a gennaio, no? In fin dei conti, la Juventus è in corsa per lo Scudetto… Magari, con qualche innesto ad hoc, potrebbe anche lasciare a bocca aperta tutti quanti, Inter compresa.