Juve-Napoli 4-3, le pagelle. Partita incredibile, super Douglas e Higuain. De Ligt, esordio da dimenticare

31.08.2019 23:00 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Juve-Napoli 4-3, le pagelle. Partita incredibile, super Douglas e Higuain. De Ligt, esordio da dimenticare

Szczesny 6: decisivo su Allan nel primo tempo, con una mano di ferro e un riflesso da gatto indirizza la partita. Nulla può sui gol del Napoli., ma ne prende comunque tre

De Sciglio 6: una buona discesa e qualche sbavatura palla al piede. Dura comunque poco per un giudizio approfondito  (15' Danilo 6.5: entra e dopo pochi istanti fa gol, regalandosi il miglior esordio possibile. Poi si mostra insuperabile e praticamente perfetto fino al gol di Manolas, quando si smarrisce anche lui con i compagni sotto la voglia di rivalsa napoletana)

De Ligt 5: comincia bene, poi crolla nella ripresa. Responsabilità dirette o indirette su tutti i gol napoletani. Esordio da dimenticare, ma crescerà. Come tutta la Juve.

Bonucci 5.5: diverse chiusure importanti da leader vero nel primo tempo, poi anche lui crolla nei secondi 45 minuti. Perde il controllo della situazione e la squadra ne risente. 

Alex Sandro 6: meno sul pezzo rispetto a Parma. Partecipa alla gara da due volti di tutta la squadra, brillando quando la squadra accompagna e soffrendo quando si spegne.

Khedira 6.5: regala un'altra partita di spessore assoluto. Dove serve, c'è, gestendo i palloni con la lucidità e la serenità che hanno solo i grandi giocatori. Sfiora il gol in due occasioni: prima è super Meret, con lui meno cecchino del solito, poi solo la sfortuna gli nega un gol sontuoso (60' Emre Can 5.5 non entra bene. Qualche volta si incarta, altre non sembra capire bene le necessità della squadra)

Pjanic 6.5: Juve diversa rispetto a quella di Parma. Lui meno nel vivo, ma comunque importante, anche nei recuperi. Travolto nella mezz'ora da sogno della squadra di Ancelotti, tira fuori nel finale l'assist che non è assist, ma vale oro.

Matuidi 6: non sarà il giocatore ideale per il gioco di Maurizio Sarri, ma toglierlo dal campo finché rende così diventa davvero difficile. Corsa, sacrificio, appoggio costante per chi, davanti, ha bisogno di aiuto. Dal primo all'ultimo minuto.

Douglas Costa 7.5: inventa con tutta la sua velocità il gol del vantaggio, inarrestabile come al solito. Soluzione a tutti i problemi e riferimento per i compagni per tuta la gara, sfiora (e avrebbe meritato) anche il gol. Da lodare, così come a Parma, la voglia di sacrificarsi per la squadra.

Higuain 7.5: un gol pazzesco che fa esplodere di gioia lui e il popolo bianconero. Perla in mezzo a una partita di assoluta sostanza, dove catalizza tutti i palloni e rende la vita difficilissima ai centrali napoletani. Il suo sorriso è senza dubbio la copertina di questa partita (75' Dybala 6: tanta voglia, ma sbatte spesso contro il muro napoletano. Pochi guizzi)

Ronaldo 7: sembra quello più sornione, ma il contributo comunque non manca mai. Aspetta il pallone giusto e quando arriva non può sbagliare. Letale, esattamente come serviva.

All. Martusciello 6.5: Juve dai due volti. Primo tempo da stropicciarsi gli occhi e restare a bocca aperta, ripresa inimmaginabile fino a pochi minuti prima. I segnali positivi, però, sono importanti, al netto di negatività attese, ma fin qui mascherate meglio di così.

L'AVVERSARIO

Napoli (4-2-3-1): Meret 6; Di Lorenzo 6.5, Manolas 6, Koulibaly 4.5, Ghoulam 5 (46' Mario Rui 6); Allan 6 (74' Elmas 6), Zielinski 6.5; Callejon 6, Fabian 6, Insigne 5 (46' Lozano 7.5); Mertens 6. All. Ancelotti 6