Juve-Empoli 1-0, le pagelle. Kean, ubriacati pure! Emre Can tuttofare con pennello e corazza

30.03.2019 20:00 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juve-Empoli 1-0, le pagelle. Kean, ubriacati pure! Emre Can tuttofare con pennello e corazza

Szczesny 6: l'Empoli qualche volta fa paura, ma lui osserva i pericoli come uno spettatore dal divano di casa. Al massimo si spaventa, ma non deve intervenire mai.

Cancelo 6: tanti errori sia nella ricerca eccessiva del dribbling che al momento del cross. Se nel primo tempo restano solo questi nei, nella ripresa colma le lacune con la corsa, la grinta e la voglia, che fino al 45' non si erano visti. Sulla bilancia del giudizio, pesa di più il buono.

Rugani 6.5: qualche sbavatura nell'irruenza della caccia all'anticipo la commette, ma fa il pari con due chiusure determinanti: senza di lui si sarebbe potuto scrivere uno scenario diverso nel primo tempo. Decisivo anche nel finale.

Chiellini 6.5: quando la Juve gioca sotto ritmo, con le idee annebbiate e le gambe legate, avere alle spalle uno come lui fa la differenza. Spara via ogni possibile pericolo.

Alex Sandro 5: irriconoscibile da un po' di tempo, tanto che di quello vero si hanno solo sbiaditi ricordi, si rende protagonista di un'altra prova da dimenticare. Praticamente invisibile per larghi tratti della gara, commette tanti errori quando si iscrive al match. Unica nota positiva, il traversone per Bernardeschi, che colpisce la traversa. Poco, pochissimo per uno come lui in una giornata come quella di oggi. Esce tra i fischi (61' Spinazzola 6: porta brio ed energia, esattamente quello che serviva)

Emre Can 6.5: forse l'unico in partita per tutti i 90 minuti. Non parlerà ancora l'italiano, ma capisce meglio di tutti la richiesta di Allegri di una gara tosta e lui è solido. Guerriero, ma anche regista, dato che lo si vede in mezzo al campo a dare indicazioni ai compagni, cercando di alzare la squadra quando sembra tendere naturalmente a schiacciarsi. Tra l'atro va a destra, in mezzo e a sinistra con una naturalezza incredibile.

Pjanic 6: con i compagni fermi intorno a lui, fa quello che può, dovendo spesso portare palla per metri prima di inventarsi un possibile scarico. Riduce al minimo gli errori, gestendo anche le energie.

Bentancur 5.5: l'infortunio di Dybala lo teletrasporta dalla panchina al campo e lui sembra spaesato quasi come se nessuno l'avesse avvisato prima. Nel primo tempo non ci capisce nulla, migliora nel secondo.

Matuidi 6: la lucidità non è di casa all'Allianz Stadium, quindi i chilometri percorsi, unitamente alla sua grinta, diventano fondamentali. Si allarga nel primo tempo, prova a fare male quasi da centravanti nel secondo (69' Kean 7.5: ubriacati pure, Moise. Allegri aveva messo in guardia dalla sbornia mediatica, ma lui continua a giocare e soprattutto segnare da predestinato. Dopo i due gol in Nazionale, ci mette una manciata di minuti a trovare il gol del vantaggio, confermandosi una dolcissima sentenza. I titoloni arriveranno inevitabili, dovrà conviverci, se continua così. Dragowski gli nega anche la doppietta)

Bernardeschi 6: tanti errori di misura quando la Juve sembra dormire, ma è comunque tra i pochi a muoversi. Esce dagli spogliatoi con la faccia cattiva e sfiora il gol in due occasioni. E così dà la sensazione di suonare la sveglia per tutti (84' Caceres sv)

Mandzukic 6.5: a tratti indolente, ha una bella occasione nel primo tempo, ma Dragoswki gli dice di no. Poi prova a vestirsi da uomo assist nella ripresa e, al terzo tentativo, missione compiuta. Sponda per Kean e vantaggio bianconero.

All. Allegri 6: bene i tre punti, ma la Juve vista oggi è tutt'altro che indimenticabile. Senza Dybala, lancia Bentancur, non venendo granché premiato dalla scelta. Getta nella mischia Spinazzola e Kean al momento giusto, anche se visto lo spirito dei due forse ogni momento sarebbe potuto essere quello buono. Contano i punti, comunque, e lo scudetto ora dista 4 vittorie.

L'AVVERSARIO 

Empoli (3-5-2): Dragowski 7; Veseli 6, Maietta 5 (80' Pasqual sv), Dell'Orco 6.5; Di Lorenzo 6, Traoré 6.5, Bennacer 6, Krunic 6.5 (79' Acquah sv), Pajac 6 (79' Ucan sv); Farias 5, Caputo 5.5.