LIVE TJ - Ten Hag: "De Jong? Vediamo come sta, decidiamo domani. De Ligt pensa solo all'Ajax"

15.04.2019 19:03 di Edoardo Siddi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
LIVE TJ - Ten Hag: "De Jong? Vediamo come sta, decidiamo domani. De Ligt pensa solo all'Ajax"

Dopo l'1-1 dell'andata l'Ajax, domani, renderà la visita alla Juve per capire chi strapperà il pass per le semifinali di Champions League. Gli olandesi sono arrivati a Torino nel pomeriggio e adesso per loro è il momento di presentare la partita. Direttamente dalla sala stampa dell'Allianz Stadium parleranno il tecnico Erik ten Hag e il portiere Andre Onana. Tuttojuve.com vi riporta la conferenza in diretta. 

Come giocherai senza Tagliafico?

Vediamo, ho diverse soluzioni

Metti un uono fisso su Ronaldo?

No, non lo facciamo mai.

Come sta De Jong?

Non lo so, è successo sabato, vediamo domani.

L'allenamento è importante per lui?

No.

Come no,non  è un bel test?

No, non lo testeremo in quel modo, non sarà intensivo.

La sfida perfetta per superare i limiti è questa?

Ci vuole coraggio, loro sono i favoriti soprattutto dopo l'1-1 ad Amsterdam. Dobbiamo segnare qui, lo sappiamo, dobbiamo di nuovo superare un limite. Anche l'altra settimana abbiamo fatto vedere che se giochiamo bene possiamo fare bene.

Al Bernabeu era una serata magica, la Juventus è diversa rispetto al Real?

Certo, ne abbiamo già parlato. La cultura del calcio è diversa.

Rischierete de Jong?

Deve valerne la pena, se vale il rischio rischieremo altrimenti no.

Chi deciderà, il dottore o ascolterà il giocatore?

Ascolto il giocatore, non posso sapere cosa ha dentro. Poi la decisione è mia.

Lui è positivo?

Lo è sempre nella vita.

Ci sono più possibilità che giochi o che non giochi?

Vediamo.

Rispetto alla settimana scorsa cambierà la partita?

Allegri è molto preparato, noi dobbiamo pensare che loro faranno qualcosa di diverso rispetto alla settimana scorsa. L'altra settimana avevamo il controllo ma non eravamo efficienti, abbiamo fatto solo un gol. 

Anche il tuo piano è diverso?

Penso che lui cambierà qualcosa, noi dobbiamo migliorare dalla scorsa settimana.

Ha fiducia nella squadra?

Sì, noi siamo una squadra giovane, ma giochiamo come adulti. L'abbiamo visto anche la settimana scorsa e anche contro il Real. Abbiamo superato limiti e dobbiamo farlo anche domani.

Quanto c'è di Guardiola nel suo Ajax?

Sicuramente  c'è qualcosa, ma in Guardiola c'è qualcosa di Cruijj, che è qualcosa dell'Ajax.

Il fatto che De Jong sia già del Barcellona può influenzare la sua scelta se giocare o meno?

No, non cambia niente. Questa stagione è importante e vogliamo arrivare lontano. Quello che succede l'anno prossimo vediamo l'anno prossimo.

Arrivare in finale ora è come arrivarci negli anni '90?

Lo diranno gli esperti. Al momento è già tanto rimanere in Europa dopo l'inverno, poi buttare fuori il Real, sono tutte bellissime cose e domani vogliamo aggiungere un'altra partita indimenticabile.

De Ligt piace alla Juve, giocare in questo stadio può essere motivo di pressioni o lo stimolerà a dare il meglio?

No, De Ligt è molto giovane ma è un ragazzo con esperienza. Lui pensa all'Ajax e domani farà di tutto per l'Ajax.

Secondo lei dove è migliorata la squadra?

Secondo me nel passaggio dall'attacco alla difesa. Abbiamo consapevolezza e la giusta mentalità.

Quanto è importante la fisicità?

Noi stiamo giocando bene e dobbiamo continuare così. La squadra fisicamente sta bene. Dipende molto dalla testa e in testa siamo freschi.

C'è una discussione in Olanda per il Twente che giocherà il campionato di Serie B contro l'Ajax.

Non voglio parlare di questo, dipende da come è organizzato. Tanti tifosi del Twente verranno ad Amsterdam per festeggiare il campionato. Ho un lungo passato a Twente, so come viene vissuto il calcio lì ed è bello che tornino in massima serie.

Pensi che potete ripetere quanto fatto al Bernabeu?

Gli stimoli vengono da soli quando sei sul campo. La tensione ci sarà, ma dipende tutto dalla concentrazione.

Quando avete giocato contro il Bayern era un po' Davide  contro Golia, contro il Real uguale e adesso di nuovo. Giocate sempre contro i giganti, pensi l'Ajax sia di quel livello?

All'inizio della stagione non l'avremmo pensato, però la squadra si è sviluppata molto. Noi possiamo competere con questi giganti e possiamo arrivare a un risultato buono domani.

Quindi anche voi siete dei giganti?

Se la vedi così, sì.

Dove immagina l'anno prossimo il futuro di De Ligt?

Non posso rispondere perché non lo so. Non ne è proprio idea.

Ajax e Juve in passato si sono affrontate ai rigori, nel 1996, avete preparato la lista?

Sempre pronta. Non importa contro chi giochi, noi pensiamo sempre ai rigori in allenamento. Sappiamo come tirare, sappiamo come tirano loro e abbiamo un portiere che para i rigori che sta qui accanto a me.

Come mai hai portato pure Tagliafico qui?

Tutti i giocatori della rosa sono i benvenuti. Lui voleva venire e allora era una buona idea, perché questo dice tanto sulla squadra. Lui può motivare. 

Lui normalmente è così importante che non vuole mancare adesso?

Non vederla così. E' importante, ha un ruolo importante dentro e fuori dal campo, nel dare la grinta, e può trasmetterla ugualmente. Conta che i giocatori abbiano la grinta in campo, poi. 

Che fate prima della partita nello spogliatoio?

Tra il riscaldamento e l'inizio della partita parliamo un po' dei tagli, però tante volte più di cose mentali. Ci diciamo in bocca al lupo, ci carichiamo, così possiamo entrare in campo fieri e col petto in fuori. E questo lo fa anche lo staff che motiva tutti i calciatori.