CHIELLINI NON E' BUFFON. BONUCCI “RISPONDE” AD ALLEGRI. FRENATA LOCATELLI

03.08.2021 13:30 di Quintiliano Giampietro   vedi letture
CHIELLINI NON E' BUFFON. BONUCCI “RISPONDE” AD ALLEGRI. FRENATA LOCATELLI
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Andrea Agnelli era stato chiaro e anche deciso sull'esito della vicenda. “Con Giorgio nessun problema, prima di scrivere informatevi”, la frecciata del Presidente a chi aveva messo in dubbio la permanenza del capitano per divergenze economiche con il club. Chiellini chiuderà la carriera con la Juventus e questa sembra la cosa più naturale. Per il difensore nato a Pisa, trentasettenne il prossimo 14 agosto, rinnovo contrattuale fino al 2023, quando la sua militanza in bianconero toccherà quota 18 anni, con la speranza di disputare il Mondiale in Qatar tra novembre e dicembre. Dipenderà dalle condizioni fisiche. Tre milioni a stagione la cifra dell'ingaggio, come fosse un premio per tutto ciò che ha dato e che continuerà a dare. Poi una scrivania da dirigente pare scontata. “La firma era solo una formalità. Il rapporto tra me e la Juve è talmente stretto che il mio futuro qui non è stato mai in dubbio”, sottolinea Re Giorgio. Chiellini è contento di ritrovare Allegri, insieme al quale vorrà aiutare i giovani, iniettando loro la juventinità venuta meno nelle ultime due stagioni. Bisogna riportare Madama dove merita perché l'imperativo è sempre lo stesso, vincere.

Il rinnovo del capitano è sinonimo di “fino alla fine”, a differenza di Buffon, altro monumento bianconero che però ha scelto un'altra strada. Il portiere di Carrara, dopo 17 anni, nella stagione 2018/2019 decide di andare al Psg. “Vuole conquistare la Champions League”, la sentenza di qualche maligno e diversi tifosi definiscono tradimento questa scelta. Comunque sia, missione fallita e ritorno alla Continassa, vice Szcesny e uomo spogliatoio. Ma il ruolo sta stretto a Gigi e dopo due stagioni altro colpo di scena: Buffon vuole giocare di più malgrado i 43 anni e riparte dalla Serie B, tornando a vestire la maglia del Parma, con cui è decollata la sua strepitosa carriera. Chi pensava che il portiere chiudesse con la Juve resta deluso. Scelta diversa da Chiellini, ma comunque rispettabile.

Si appresta ad iniziare la sua undicesima stagione a Torino Bonucci, non consecutiva per via la parentesi milanista. Chi pensava ad una reazione stizzita verso Allegri per la frase sulla fascia da vice capitano (“Se la vuole deve comprarla al mercato”) viene subito smentito. Attraverso i suoi canali social, Leo spazza via ogni dubbio: “E' arrivato il momento di tornare a casa. E' un nuovo inizio, con la voglia di sempre. Per tornare ad essere protagonisti di quelle vittorie che identificano questa maglia e provarci FINO ALLA FINE”. Lo sgabello di Oporto ormai è in soffitta. Bonucci sarà leader senza fascia, come del resto è avvenuto in Nazionale. E se le parole di Allegri fossero strategiche per stimolare il giocatore? In effetti Bonucci è tornato carico, Chiellini vuole riportare il clima azzurro alla Continassa. Dopo la conquista dell'Europeo, la coppia centrale più forte del momento è tutt'altro che sazia di vittorie. Del resto, l'appetito vien mangiando, come dice un vecchio proverbio.

Questione Locatelli. Le parti restano distanti. Tra domanda e offerta ballano 10 milioni, inoltre c'è divergenza sulla formula: la Juve vuole il prestito biennale con diritto di riscatto, il Sassuolo pretende l'obbligo che per i bianconeri dovrebbe scattare solo al verificarsi di certe condizioni. Nel frattempo il centrocampista scalpita e vuole solo la Juve, la squadra per cui tifa da quando era bambino. Nelle prossime ore probabilmente ci sarà il quarto vertice tra i due club. La trattativa resta in piedi, ma la rallentata è evidente. La vicenda si sta prolungando oltre il previsto, chiudere al più presto sarebbe auspicabile, altrimenti c'è il rischio rottura. Nel caso in cui l'affare saltasse, fermo restando Pjanic, quale sarebbe l'alternativa? Il nome tornato d'attualità come eventuale piano B è quello di Bakayoko. Il giocatore francese di origini ivoriane, di proprietà del Chelsea, lo scorso anno in prestito al Napoli, festeggerà il suo 28 compleanno il prossimo 17 agosto.