Undici metri - Dalla calma apparente ai primi colpi: il mercato della Juventus pronto a decollare

29.06.2022 17:46 di Brian Liotti   vedi letture
Undici metri - Dalla calma apparente ai primi colpi: il mercato della Juventus pronto a decollare

“Calma apparente”, potremmo titolare così il mercato della Juve fino ad oggi. Tante voci, tanti spifferi, ma ancora zero colpi. E’ una calma solo apparente perché ci sono tante cose che bollono in pentola e trattative pronte a decollare.
L’unico che sembra già bianconero (ma aspettiamo l’ufficialità) è Paul Pogba. Il grande ritorno del “Polpo” nella squadra che lo ha fatto diventare un campione, a parer mio, ha anche un grande valore simbolico. Allegri gli affiderà le chiavi del centrocampo e sarà lui il nuovo leader della squadra. Ci saranno grandi responsabilità per un giocatore che cerca la sua consacrazione. Potrebbe trovarla a Torino in un ambiente che conosce benissimo e con un mister che sa come esaltare le sue qualità.
Pogba quindi, ma non solo. La settimana prossima sarà importantissima per il mercato della Juve e mi aspetto grandi novità. A centrocampo si cerca oltre a Pogba un “regista”, uno che sappia far girare il pallone, in modo tale da far giocare Locatelli nel ruolo in cui rende di più. Da un po’ di settimane non si fa più il nome di Jorginho che invece tornerebbe volentieri in Italia, chissà…

Voci “francesi” danno molto vicino Leandro Paredes, che la Juve corteggia da anni, forse questa potrebbe essere la volta buona. L’argentino potrebbe arrivare in uno scambio con Kean che andrebbe invece al PSG, squadra dove ha fatto benissimo. Ci guadagnerebbero tutti. Un centrocampo con Pogba, Paredes, Locatelli, Zakaria, McKennie, più qualche giovane (Fagioli? Miretti? Rovella?) sarebbe sicuramente interessante e meglio assortito di quello attuale. Non ho menzionato Rabiot e Arthur perché credo possano partire entrambi in questa sessione di mercato. Anche Ramsey andrà via perché non rientra nel progetto. Sistemato il centrocampo, bisogna puntellare la difesa orfana di Chiellini e con De Ligt, che pare voler andar via. Bella rogna direte voi, in effetti l’olandese è un campione (che però a Torino non ha ancora dimostrato pienamente il suo valore). Resto convinto di una cosa ossia che bisogna cogliere in ogni difficoltà un’opportunità. Se davvero dovesse arrivare una proposta seria (da 80 milioni a salire per intenderci) credo che la Juve lo lascerebbe andare. Sono anche convinto che i dirigenti sappiano già come muoversi nel caso del Ligt dovesse davvero partire. Di Koulibaly si scrive da settimane, ma attenzione anche al nome di Romagnoli che ad oggi non è ancora andato alla Lazio e resta sul mercato. Alessio Romagnoli secondo me andrebbe preso in considerazione, così come Acerbi, giocatore ancora affidabile e low cost. E’ chiaro che andando via De Ligt servirebbe un campione, un giocatore di sicuro valore. Le vie del mercato sono infinite…. Chissà…

A destra si segue con interesse Molina dell’Udinese e potrebbe essere lui un altro colpo bianconero. Davanti poi è arrivata finalmente la svolta sul fronte Di Maria: la Juventus potrà contare sulla qualità e l'imprevedibilità dell'argentino, che ha sposato la causa bianconera dopo lunghi tentennamenti. Kostic lo prenderei a prescindere perché mi sembra un vero affare se consideriamo il prezzo. Ci sarebbe poi da valutare un vice Vlahovic. Ad Allegri pare piaccia Arnautovic. Ma da quanto ne so anche Simeone è un serio candidato mentre Dzeko pare vicino alla permanenza all’Inter. Insomma per essere una calma apparente nel mercato bianconero c’è invece tanto movimento. Ora però c’è bisogno di chiudere e affondare i colpi. La stagione è alle porte e la Juve non può farsi trovare impreparata. Avviso ai naviganti, lo scrivo da settimane. Il mercato della Juve va giudicato alla fine, non adesso. Personalmente resto fiducioso e ottimista.