La Juve corsara al San Paolo. Emre Can imperioso, Pjanic ingenuo

03.03.2019 22:30 di Giovanni Spinazzola Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
La Juve corsara al San Paolo. Emre Can imperioso, Pjanic ingenuo

Szczesny 6,5: sul gol non può nulla, poi deve fare poco altro se non deviare sulla traversa una conclusione di Zielinski ed ipnotizzare Insigne dal dischetto.

Cancelo 6: sprinta poco sulla fascia anche quando avrebbe spazio e tempo per farlo. Sufficienza striminzita.

(Dal 61' De Sciglio 6: entra per tenere la posizione e dare più copertura rispetto a Cancelo; missione compiuta).

Bonucci 6,5: alza un muro davanti a Szczesny insieme a Chiellini; qualche errore, però, lo commette anche lui.

Chiellini 6,5: si fa bruciare da Callejon in occasione del gol partenopeo ma è l'unica sbavatura di una buona gara.

Alex Sandro 6: affonda poco sulla corsia sinistra e non sembra avere il passo dei giorni migliori; davvero ingenuo quando commette il fallo da rigore con il suo braccio largo in area.

Emre Can 7,5: il tedesco corre e gioca a tutto campo, stringendo il suo raggio d'azione nella ripresa dopo il rosso a Pjanic. Segna il gol del 2-0 con uno stacco imperioso.

Pjanic 6: la media esatta tra il sette del primo tempo per la regia ed il gol su punizione, il primo stagionale, un vero gioiello, ed il cinque quando ad inizia ripresa non trova nulla di meglio da fare che farsi espellere per doppio giallo.

Matuidi 6,5: i suoi muscoli ed i suoi chili si sentono in mezzo al campo; recupera tanti palloni e guadagna un discreto numero di falli.

Bernardeschi 6,5: gara di grande sacrificio per l'ex viola che agisce largo a destra e, dopo il rosso di Pjanic, esterno destro.

(Dall'85' Dybala S.V.)

Cristiano Ronaldo 7: si guadagna la punizione da cui nasce il gol e, soprattutto, lascia il Napoli in 10. Palla tra i piedi prova sempre la giocata oppure il colpo ad effetto ma stasera non gli riescono.

Mandzukic 6: conferma il trend negativo delle ultime settimane. Il croato entra poco nel vivo del gioco e, dopo il rosso, agisce da esterno di sinistra a centrocampo.

(Dal 73' Bentancur 6: entra a dare sostanza al centrocampo).