Rocca, l'esaminatore di Suarez: "Le intercettazioni? Tutto va contestualizzato. Non è vero che non sa coniugare i verbi"

24.09.2020 10:40 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Rocca, l'esaminatore di Suarez: "Le intercettazioni? Tutto va contestualizzato. Non è vero che non sa coniugare i verbi"

Intervistato da La Repubblica Lorenzo Rocca, uno degli esaminatori di Luis Suarez finito nel registro degli indagati per l’esame ‘farsa’ sostenuto a Perugia dall’attaccante uruguaiano, chiarisce così la propria posizione e quella dell’Università: “Tutto va contestualizzato. Le intercettazioni sono solo una parte di un tutto. C’è un’inchiesta in corso… quello che posso dire, d’accordo con il mio avvocato, è che ho deciso di non avvalermi della facoltà di non rispondere. Martedì sono stato convocato dal pm e ho avuto un lungo colloquio, assolutamente sereno e pacato, nel segno della massima cordialità e del rispetto reciproco. Se Suarez è un B1? Questo punto è molto importante. Ma è anche un punto centrale dell’indagine e non posso rispondere. L’ho fatto, ma davanti al pm. Non sa coniugare i verbi? No guardi, quel riferimento al fatto che Suarez parlasse solo per verbi all’infinito non corrisponde a quello che abbiamo constatato. Non l’ho sentito solo con le mie orecchie: come le dicevo gli esaminatori sono sempre in due, e in due abbiamo sentito più volte il candidato coniugare correttamente i verbi. Dico solo che ci sono esempi di materiale d’esame tranquillamente disponibili online. Se mi è stato ordinato di dargli le risposte in anticipo? Non posso dirle nulla, anche perché ci sono altre persone coinvolte”, ha concluso.