Barcellona, Laporta: "Sanzioni per Barça, Real e Juventus? Non possono farlo"

25.05.2022 17:00 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Fonte: fcinternews.it
Barcellona, Laporta: "Sanzioni per Barça, Real e Juventus? Non possono farlo"

Tiene il punto Joan Laporta, presidente del Barcellona, che non intende cedere alle parole pressanti del presidente della UEFA Aleksander Ceferin che definisce la Super League un progetto destinato a soccombere. Il numero uno culé, intervistato da L'Esportiu de Catalunya, detta la sua ricetta per superare l'attuale stato critico che vive il suo club: "Tutto si risolve se si rispettano le regole, se c'è un'armonizzazione del fair play finanziario senza periodi di grazia con alcuni paesi mentre qui non abbiamo spazio per fare transazioni anche se generiamo reddito. Mi dicono: 'Tu hai l'eredità che hai, e non è colpa tua'. Ebbene, l'eredità è colpa di chi ha guidato il club, ma anche così, se si adottano misure più flessibili in altri Paesi, dovrebbero essere prese anche qui. E questo non è il caso. La soluzione è che il campionato sia molto più flessibile in termini di fair play e che questi club non abbiano i privilegi che hanno dalla UEFA. Consentono loro di fare cose che non sono accettabili e che gli altri non fanno".

Qual è l'attuale rapporto Barça-UEFA?
"Freddo. Pensiamo che la Champions possa essere migliorata in termini di risorse per i club e renderla più appetibile. L'idea dei club che difendono una Super League è di sedersi e trovare soluzioni a tutto questo. E le soluzioni reali, non continuano a mascherare la storia. Perché i club, che sono quelli su cui stiamo investendo in questo spettacolo, li dobbiamo governare. C'è un problema di governance e penso che possiamo essere d'accordo con la UEFA. I club devono governare la massima competizione. Ovviamente la UEFA ha qualcosa da ridire. E dobbiamo anche parlare della distribuzione del denaro. È un business che costa un sacco di soldi da mantenere nell'élite e se ciò non accade, ci sono club che hanno una tradizione che ci farà molto male.

Teme per una possibile sanzione, insieme a Juventus e Real Madrid?
"Sinceramente, non credo che siano in grado di sanzionare. I club difendono i principi dell'Unione Europea: libera concorrenza ed europeismo. Vogliamo che il calcio in Europa sia sostenibile e che nessun agente esterno, proveniente da paesi con oligarchi russi o arabi, distorca questo mercato. Questo viene difeso e non credo che la UEFA sia in grado di sanzionare i club che stanno difendendo questi principi. Abbiamo ricevuto la licenza per la prossima edizione della Champions. Non è giusto che vogliano attaccare la libera concorrenza. E se lo fanno, otterranno un effetto boomerang perché finiranno per imporsi sui principi dell'UE".

Ha incrociato Aleksander Ceferin a Torino per la finale di Champions femminile?
"Sì, ma non era un luogo per parlare di questi problemi. Abbiamo fatto alcuni commenti, ma non ci siamo concentrati sull'analisi di questo conflitto. Penso che sappiano che ciò che stiamo proponendo ha un senso. Vogliono mantenere un potere che dovrebbero condividere. Quando si parla di dialogo, noi vogliamo stabilirlo. Quando una parte non vuole parlare, il dialogo non ha luogo".