Barbano (Corsport): "Ripresa del calcio spartiacque che chiude simbolicamente questo spicchio della nostra vita"

29.05.2020 15:00 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Barbano (Corsport): "Ripresa del calcio spartiacque che chiude simbolicamente questo spicchio della nostra vita"

"Se il calcio sveglia il Paese". Sulle pagine del Corriere dello Sport, Alessandro Barbano nel suo editoriale parla così della ripresa del campionato: "La ripresa del calcio è uno spartiacque che chiude simbolicamente questo spicchio cruciale della nostra vita, iniziato la sera del 9 marzo. Quando il premier, annunciando il lockdown più rigido e più oneroso d’Europa, disse che non c’era ragione perché il campionato proseguisse. Da ieri ci sono tutte le ragioni per farlo ripartire. Sono state messe le une accanto alle altre in un’opera paziente di ricostruzione, che ha visto tenace tessitore il presidente della Federazione Gabriele Gravina, e che ha sfidato lo scetticismo, la depressione, i pregiudizi ideologici e gli interessi occulti, tutti nemici del calcio. Una cascata di emozioni scatena l’annuncio che anche in Italia il campionato si risveglia, o piuttosto che il campionato risveglia l’Italia. Raccontatela come volete, ma è una notizia meravigliosa. Tanto meravigliosa che si può con nonchalance sentirla annunciare dal ministro più neghittoso, più indifferente, più inaffidabile che il calcio potesse aspettarsi. Da ieri sera il peggio della politica ci appare bello, perfino con tutto il suo carico di ipocrisia".