SUAREZ, ARMA ANTIJUVE

22.02.2021 06:45 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
SUAREZ, ARMA ANTIJUVE
TuttoJuve.com

Ad intervalli regolari la Juventus deve ritrovarsi a convincere con il fantasma di Luis Suarez, una vera arma a disposizione del mondo antibianconero. Sarebbe opportuno smetterla di tirare fuori certi discorsi che sono finalizzati solo e soltanto a destabilizzare l'ambiente della Juventus per responsabilità assolutamente nulle. 

La ricostruzione dei fatti è molto chiara: la Juventus si era interessata all'uruguaiano cercando di capire con che modalità si poteva avere la nazionalità italiana, secondo la legge, lo ricordiamo nei tempi utili per averlo in lista Champions. La dirigenza ha capito se i tempi potevano anche essere accelerati sfruttando per esempio, alcune situazioni legate al covid che prevedono, a norma di legge, lo ricordiamo, appelli speciali. Detto questo l'interesse è poi scemato di fronte alla realtà che non prevedeva una situazione ideale per le tempistiche e avrebbe quindi portato ad un acquisto inutile.

Molto prima che Suarez facesse l'esame, la Juventus aveva comunicato al giocatore che l'operazione non poteva essere portata a termine, ma il calciatore, come comunicato dallo stesso, ha fatto sapere di voler sostenere ugualmente l'esame anche per interesse personale, in ottica futura. 

La Juventus qui esce di scena ed è chiaro il ruolo assolutamente limpido, se qualcosa è stato commesso di strano sull'esame, la responsabilità tocca ad altri soggetti, non alla Juventus, ovviamente. Ci sembra di aver capito che l'esame sostenuto fosse molto simile alle prove ed alle lezioni svolte in preparazione dallo stesso calciatore, ma per capire se questa sia o meno un'anomalia bisognerebbe vedere tutti coloro che fanno l'esame. 

Infine, il giudizio sulla prova e la manica "un po' larga" sulla promozione possono essere oggetto di discussione, deprecabile, ovviamente, ma allora ci chiediamo anche qui, quante persone passano esami magari anche grazie ad un sei politico? Insomma, prima di andare a fare i paladini per un calciatore che darebbe lustro al paese con la sua nazionalità italiana, bisognerebbe magari essere un po' più razionali e andare a trattare temi più seri. Ci sembra che chi ha sbagliato abbia già pagato, altri responsabili, francamente non li vediamo, c'è solo un gran desiderio di mettere, come al solito, la Juve in mezzo.