ESCLUSIVA TJ - Zdeněk Grygera: "Juve: che fatica con il Ferencváros, ma contava il risultato. Stupito da Cuadrado. Dybala? Sta attraversando periodo complicato, ma..."

25.11.2020 19:15 di Luca Cavallero   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Zdeněk Grygera: "Juve: che fatica con il Ferencváros, ma contava il risultato. Stupito da Cuadrado. Dybala? Sta attraversando periodo complicato, ma..."
TuttoJuve.com
© foto di Federico Gaetano

Riguardo alla prestazione della Juventus contro il Ferencvàros, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Zdeněk Grygera, ex terzino bianconero.

Come commenta la performance della Juventus contro il Ferencvàros?

"Ho visto tutto quanto il secondo tempo. Ero curioso di vedere come avrebbe reagito la Juventus dopo lo svantaggio iniziale. Alla fine conta il risultato: volendo fare un paragone con la partita di andata, questa volta i bianconeri sono stati più in difficoltà, però ripeto: era importante qualificarsi. Onore al Ferencvàros che ha fatto una buonissima partita, ma non posso non essere contento per la Juve, che è riuscita a qualificarsi, grazie al gol decisivo di Morata".

Sei stato terzino destro della Juventus. Ora il tuo ruolo è ricoperto, ormai in pianta stabile, da Juan Cuadrado. Ti ha stupito il suo impatto, a livello di prestazioni e di disponibilità, in una posizione inizialmente non sua?

"Rispetto a dieci anni fa, quando c'ero io, è cambiato praticamente tutto del ruolo. Adesso si cercano terzini più offensivi, che facciano quasi le ali. Se spingi bene sulle fasce, adesso puoi fare la differenza. Per quanto riguarda Cuadrado mi ha stupito come si sia adattato così velocemente a questo ruolo: lo trovo anche molto migliorato".

Passiamo ad un tuo ex compagno: Giorgio Chiellini. Lo conosci molto bene: dal tuo punto di vista è forse giunto il momento di centellinare il più possibile le sue partite con la nazionale?

"Già la scorsa sosta Giorgio si era fatto male con la nazionale. Credo che però nei suoi piani ci sia di fare l'Europeo. Ogni ragionamento di questo tipo è da spostare, quindi, a dopo l'Europeo. Certo è che il calcio, come dicevo prima, è cambiato: si giocano molte più partite e questo Giorgio lo sa bene: se vuole arrivare a giocare l'Europeo deve sacrificarne qualcuna o con i bianconeri o con l'Italia. Penso che comunque a questo abbia pensato già Giorgio e che qualche ragionamento sia stato fatto anche con la società: gli anni passano e qualche partita sei obbligato a saltarla per rendere al top".

Qual è la tua chiave di lettura rispetto al difficile momento di Dybala?

"Dybala è un grandissimo giocatore. Sta attraversando un periodo molto complicato, ma penso debba tener duro. Alle sue spalle ha una società che può portarlo davvero lontano. Se Dybala sta bene ti fa vincere le partite. Lo stesso discorso si può fare con Ronaldo: ha avuto il Covid, poi è rientrato e ha fatto subito la differenza. Stiamo parlando di giocatori importantissimi per la squadra".