ECCO LA TRISTE NUMERICA DEI DRIBBLING

22.09.2022 00:05 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
ECCO LA TRISTE NUMERICA DEI DRIBBLING
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La Juventus sta facendo male e male stanno facendo anche i suoi calciatori che non riescono a imporre il maggior potenziale tecnico che in teoria li caratterizzerebbe.

Tali limiti si sono manifestati ad oggi, non solo in una pochezza offensiva che spesso e volentieri non porta a nulla se non ad un noioso palleggio, ma anche nei gol realizzati, oltre a i tifi che vedono i bianconeri indietro nella classifica complessiva.

I bianconeri sono noni in classifica per conclusioni tentate, ben 45 in meno del Napoli e più di 30 in meno di Inter e Milan, ma questo non basta.

I bianconeri sono una delle squadre che tenta meno la giocata ed a cui riescono meno dribbling in assoluto. Il migliore fino ad ora è Adrien Rabiot con 6 dribbling riusciti, segue Filip Kostic con 5, Alex Sandro e McKennie con 4.  Vlahovic, Cuadrado, Locatelli, Miretti e Kean ne hanno realizzati 3, mentre a 2 ci sono De Sciglio e Soulè. Ad uno Bremer, Milik, Danilo e Paredes.

Complessivamente i bianconeri hanno realizzato una trentina di dribbling, quasi la metà del Milan, venti in meno del Napoli, numeri chiari che evidenziano una difficoltà di condizione nel saltare l'uomo e anche di propositività.

Emblematico che Di Maria sia ancora a zero e che il migliore con sei sia Adrien Rabiot, un calciatore che doveva partire e che è rimasto solo perchè la mamma di Rabiot ha richiesto cifre fuori da ogni logica economica al Manchester Unnited.

Oggi la Juventus è una squadra piatta, facile da affrontare, senza iniziativa e che non fa paura a nessuno.

Aspettando Chiesa e Di Maria, è giusto interrogarsi per capire come migliorare la squadra anche su questo elemento che non è banale, perchè i dribbling riusciti portano azioni pericolosi, ammonizioni e possono essere un indicatore della pericolosità della squadra.

Clicca qui, segui Massimo Pavan su twitter per interagire con Massimo sulle ultime di mercato e sulla Juve