Dybala a The Guardian: "Stavo per andarmene. Mi rimangono due anni di contratto. Non è un periodo breve, ma non è nemmeno lungo. L’arrivo di Sarri ha aiutato"

25.01.2020 00:30 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Dybala a The Guardian: "Stavo per andarmene. Mi rimangono due anni di contratto. Non è un periodo breve, ma non è nemmeno lungo. L’arrivo di Sarri ha aiutato"

Paulo Dybala ammette di essere stato "vicino a lasciare" la Juventus in mezzo all'interesse del Man Utd e del Tottenham in estate, questo parlando a The Guardian dove ha rivelato: "Stavo per andarmene. Questo era nel pensiero del club, lo sapevo. Stavamo aspettando fino all'ultimo".

Lo United avrebbe voluto firmare Dybala nell'ambito di un accordo che avrebbe visto Romelu Lukaku muoversi nella direzione opposta.

SULLA MASCHERA - Il n. 10 della Juventus parla a bassa voce; è premuroso e la maschera è indossata con leggerezza, dice di essere stato ispirato dal film: "non ci ha pensato veramente".

Lionel Messi e Cristiano Ronaldo:"Sono l'unico giocatore che condivide lo spogliatoio con entrambi e la gente vede solo la punta dell'iceberg, non il lavoro sottostante; non hanno vinto tutto quello che hanno vinto perché sono stati fortunati", dice. "E, sì, so che la gente deve chiedere, ma deve sapere cosa sto per dire".

Avanti chi è meglio? "Non posso rispondere", dice ridendo.

Parla del riscaldamento globale - "dobbiamo cambiare; questo è l'unico posto in cui dobbiamo vivere" - dei libri (sta leggendo Allan e Barbara Pease sul linguaggio del corpo) e dell'esposizione - "siamo umani: ci sono 10 commenti positivi e quello che ti colpisce è quello negativo, ma non puoi concentrarti su quello". 

Sulla vita: "Succedono cose brutte, a me o a chiunque altro, nei momenti difficili della vita, ma bisogna andare avanti: indossare la maschera come fanno i gladiatori, e combattere". Ogni battaglia. Questa è stata l'idea che ho cercato di trasmettere. Alla gente piaceva, la capiva. Ed è piacevole perché i messaggi che mandi non sono sempre interpretati come vorresti".

Sulla Polonia: "Vorrei andare, anche se non c'è più la famiglia", dice. È un posto piccolo, otto o nove case". Alcuni giornalisti polacchi mi hanno messo in contatto con la figlia di mio nonno, ma è morta. Ci sono dei cugini in Canada e abbiamo parlato ma non ci siamo mai incontrati. Io voglio farlo. Ho cercato di procurarmi un passaporto polacco, ma non siamo riusciti a trovare alcuni documenti di mio nonno e abbiamo avuto i passaporti italiani da parte di mia madre. Un giorno lo farò. Mi sento forse più polacco che italiano. Dal punto di vista personale, mio padre era più polacco; il mio fratello di mezzo, esattamente lo stesso. Tutti noi, un po'. Forse un po' più freddo, sangue polacco. Gli italiani tendono ad essere più emotivi".

Il nonno di Dybala:  "Ero giovane ed è stato molto difficile. Mia madre ha sofferto molto, anche i miei fratelli. Si vede il dolore ma si continua. Non sono il primo a soffrire e non sarò l'ultimo. Purtroppo questo è il cerchio della vita. Ora abbiamo qualcuno che ci aiuta dall'alto.

Il calcio ha fornito un rifugio, un'alternativa? "Il mio rifugio era la mia famiglia. Quando l'Instituto ha chiamato, non me la sentivo di andarci. Avevo 15 anni, non potevo nascondere quanto fosse difficile: il calcio non era un rifugio. Ci sono tornato perché era la mia passione e la mia famiglia mi ha spinto. Se no, la mia mentalità era di lasciarlo".

I problemi dei diritti di immagine: "Alla fine le cose sono venute alla luce. Ci sono ancora alcune persone con problemi legali in Argentina. Il calcio è diventato un business enorme. Siamo all'interno, ma il più delle volte non si può fare nulla. Ero molto giovane.

LA SERIE A - "Ma ero molto felice". "La mia famiglia è venuta qui e l'avventura è iniziata a Palermo. Il primo anno non è andato bene. Era tutto nuovo e in verità era un camerino difficile; una squadra più grande che era difficile quando le cose andavano male. Eravamo in difficoltà, i risultati erano pessimi. Io ero un ragazzino, vedevo tante cose. Ora sono grato perché l'esperienza è diventata una lezione. Qui alla Juventus si vince sempre, vero? Tutto è bello. Lì è stato il contrario, ma la seconda stagione è stata fantastica. Abbiamo vinto e personalmente è stato bello".

La Juventus è stata straordinaria,  una follia. Non molto tempo fa qualcuno mi ha detto: "Sei alla quinta stagione e 200 partite della Juventus", la mia quinta stagione e ho pensato: "Ma sono arrivato qui solo ieri". Se tutto va bene mi restano 10 anni, ma è andato tutto così in fretta". Quattro campionati, tre coppe, una finale di Champions League.

Il contratto: "Mi rimangono due anni di contratto. Non è un periodo breve, ma non è nemmeno lungo. Vedremo quali sono i piani della Juventus, se pensano che potrei partire nel prossimo mercato o se vogliono che io rimanga. Questa è una decisione che la Società deve prendere. È difficile saperlo perché le cose cambiano in un secondo.

"Ma io sono qui, in una società che mi ha trattato bene, sono felice, a mio agio. L'arrivo di Sarri ha aiutato. Ha voluto che restassi, il che mi ha dato forza quando non sapevamo cosa sarebbe successo. Sapevo che poteva insegnarmi, aiutarmi a tirare fuori il meglio di me".

Io stesso può essere la parola. Dybala ha fornito sette assist e ne ha segnati 11, più di tutta la scorsa stagione, la cosa che ama di più: la palla. "Senza di essa, mi annoio", ammette. "Se passa tanto senza un tocco, è come se mi perdessi, perdo il conto della partita". Sono fortunato ad essere in una squadra che vuole il possesso, dove tutti sono tecnicamente bravi, con tanti giocatori in alto sul campo, tante possibilità di giocare la palla".

"L'idea di Sarri aiuta molto i giocatori - tutti i giocatori. Uno, due tocchi. Combinare. Muovere la palla velocemente. In difesa è meccanizzata, non c'è libertà. Ma con il pallone hai un millesimo di secondo per pensare, nulla è improvvisato - anche se conosco i miei compagni, i loro movimenti, i movimenti su cui abbiamo lavorato durante la settimana.

"Quando ho iniziato all'Instituto di Córdoba, il mio allenatore aveva le stesse idee, così sono arrivato con questi meccanismi"

Ai giocatori piace Dybala. "Quando si invecchia e il calcio diventa più serio, professionale, si capisce che alcune parti del gioco vengono lasciate indietro. A volte si incontrano allenatori che ti danno la libertà. Per gli attaccanti questa è la cosa migliore che può succedere e io cerco ancora di giocare come ho sempre fatto, con la palla.

"Non dobbiamo mai dimenticare che anche questo è un gioco e che quando eravamo piccoli giocavamo per divertirci. È così che abbiamo iniziato e che siamo. Tutti abbiamo un bambino dentro di noi e non dobbiamo mai lasciarlo indietro".