L'INTRUSO - CENTROCAMPO JUVE PRONTO AL SALTO

18.11.2020 15:55 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
L'INTRUSO - CENTROCAMPO JUVE PRONTO AL SALTO

Il centrocampo della Juventus continua la sua sfida, migliorare e diventare un reparto in grado di essere considerato competitivo e non il punto debole della formazione della squadra. Se l'attacco per la presenza di Ronaldo non si discute e rimane una delle armi più importanti a disposizione di Andrea Pirlo, se la difesa, anche se con qualche problema ha comunque interpreti, tra i primi al mondo, il centrocampo rimane il punto interrogativo che il mister bianconero, da esperto in materia, deve decifrare.

Gli interpreti, presi singolarmente sono buoni giocatori, ma nessuno ha ancora raggiunto il livello da top player che tutti vorrebbero. Ci devono lavorare, alcuni stanno crescendo, altri sperano di diventarlo.

RABIOT - è sicuramente il centrocampista che al momento sta convincendo di più, ha raccolto consensi anche con la Francia, prendendo il posto non facile di titolare. Sta abbinando quantità a qualità, unico difetto qualche cartellino di troppo.

MCKENNIE - anche McKennie sta crescendo, l'americano ha giocato delle buone partite, ma deve ancora raggiungere quel livello di esperienza internazionale che gli può permettere di diventare un punto di riferimento importante. Non è e forse non sarà mai Vidal, come lo paragonava qualcuno, ma sicuramente può diventare un giocatore importante.

ARTHUR, RAMSEY E BENTANCUR - completano i centrocampisti, tra il brasiliano che ha avuto una valutazione monstre, il gallese e l'uruguaiano, tre calciatori che vogliono imporsi e che dovranno trovare la loro strada. Per Ramsey il ruolo è chiaro mentre per Arthur e Bentancur bisognerà capire se la posizione migliore è davanti alla difesa o altrove. Tutti e tre sono pronti al salto e sperano di diventare un punto fermo. Se dovessimo fare un nome, ci saremmo aspettati di più da Bentancur che doveva, nell'immaginario, diventare il punto fermo del reparto, ma non è mai facile confermarsi.

Andrea Pirlo sa che può contare su un buon reparto, diverso da quello dei suoi tempi, ma spera di trovare nel mazzo qualche giocatore abile a trasformarsi in fenomeno, del resto anche Pogba appena arrivato non era il Pogba andato via da Torino.