QUI MILAN - Pioli in conferenza stampa: "Juve squadra più forte, servirà un grande Milan. Dovremo esprimerci al massimo"

06.07.2020 14:30 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
QUI MILAN - Pioli in conferenza stampa: "Juve squadra più forte, servirà un grande Milan. Dovremo esprimerci al massimo"

Alla vigilia della sfida contro la Juventus, il tecnico del Milan Stefano Pioli ha presentato la sfida in conferenza stampa. Ecco le sue parole riprese da TMW:

Motivazioni e stimoli contro la Juve?
"Le motivazioni ci porteranno a superare le difficoltà e ad esprimere il massimo con la Juve".

Come si fa a portare a casa la vittoria? 
"Dobbiamo fare tutto bene, perché giochiamo contro una squadra che negli ultimi anni sta vincendo tutto, dobbiamo esprimerci al massimo".

Come sta Calhanoglu? 
"Allenamenti di oggi e domani decisivi, si è contratto il polpaccio, mi auguro possa essere disponibile".

E' il tuo Milan? 
"Direi di si, anche in passato avevamo lavorato su alcune situazioni ora invece abbiamo più continuità. Ci stiamo attestando su un livello alto, abbiamo vinto contro 2 squadre davanti a noi in classifica ma contro la Juve bisogna alzare ancora di più il livello".

Perché ti stupisce questa squadra? 
"Mettiamo sul campo quello che prepariamo, servono spirito e atteggiamenti positivi. So di avere una squadra di qualità per questo non sono stupito da loro".

Ibra è pronto a giocare un'ora di gioco? 
"La condizione non può che migliorare, e lo può fare attraverso le partite. Mi auguro che possa salire il minutaggio e il livello di prestazione. Ha giocato 45 minuti con la Lazio e 20 con la Spal, spero che la sua condizione crescerà. E' il giocatore più forte dal punto di vista mentale e della presenza in campo".

Kessie migliorato? 
"Ora è più continuo, non ha amnesie, con la condizione fisica sta crescendo, sembra quasi non faticare".

Hernandez ha un rendimento importante. 
"Che Theo sia un giocatore portato alla fase offensiva lo sappiamo perché le sue caratteristiche sono quelle. Lui ogni partita riesce ad essere pericoloso, ma sta lavorando con continuità anche in fase difensiva. Vuole diventare un top, e l'altra sera credo sia stato molto attento, vuole crescere anche in difesa".

Crescere con la Juve? 
"Arriva la squadra più forte e se vuoi ottenere un risultato eccezionale devi fare uno sforzo straordinario, ci vorrà un grande Milan".

Bennacer e Saelemaekers? 
"Bennacer lo vedo più lucido e concreto giocando con due, ovvero con Kessie accanto, anche la sua crescita è costate. Saelemaekers è un ragazzo giovane che ha fatto esperienza solo nel suo Paese, con altre abitudini e concetti, è normale che serviva un po di tempo. Deve assolutamente continuare così".

Rapporto con Rebic? 
"Tutti si devono sentire importanti. Non è importante partire dall'inizio ma aiutare la squadra e lui lo sta facendo con mentalità e forza, vedremo se domani giocherà dall'inizio o a gara in corso. La classifica è corta abbiamo ancora otto partite e vogliamo fare il massimo fino alla fine, l'atteggiamento di Rebic è importate".

Le chance di permanenza al Milan? 
"A fine campionato voglio solo la soddisfazione di aver dato il massimo, poi non penso al 3 agosto ma alla gara di domani. Per lo sforzo che abbiamo fatto meritiamo di finire bene la stagione, poi le decisioni arriveranno più avanti".