LIVE TJ - TEN HAG in conferenza: "Serata incredibile. Abbiamo eliminato favorita della Champions"

16.04.2019 23:50 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
LIVE TJ - TEN HAG in conferenza: "Serata incredibile. Abbiamo eliminato favorita della Champions"

Erik ten Hag interviene in conferenza stampa dopo la vittoria sulla Juventus. Tuttojuve.com riporta le sue parole: "Penso sia stata una serata incredibile per l'Ajax e per i giocatori dell'Ajax, per tutta l'Ajax e per il calcio olandese. Abbiamo di nuovo buttato fuori una favorita della Champions League, abbiamo giocato bene la prima partita, avevamo la fiducia e pure la pazienza. Nel primo tempo dovevamo avere la pazienza e con la pressione della Juve dovevamo riuscire ad uscire. Poi c'era una bella lotta, c'erano poche occasioni da tutte e due le parti, però il primo gol su un calcio da fermo, l'1-1 abbastanza fortunato. C'erano altre occasioni, c'erano dei momenti e degli spazi. Nell'intervallo abbiamo parlato della pressione su Emre Can, le ali dovevano andare più avanti a fare pressione. poi con Schone e De Jong dovevamo stare più vicini. Poi venivano degli spazi e potevamo prendere lo spazio e andare ad attaccare. La Juventus in quel momento doveva difendere, però abbiamo fatto l'1-2 e abbiamo avuto tante occasioni per fare un altro gol. Anche ad Amsterdam, contro il Real Madrid, era così. Dobbiamo segnare di più, il rendimento deve andare in su, però era fantastico. Dovevamo chiudere la partita prima, io sono molto felice e molto orgoglioso della squadra e di tutto lo staff".

Sembravate fisicamente più in forma. Come è possibile giocando sempre con la stessa squadra?
"Ci alleniamo molto bene, ci prepariamo molto bene e abbiamos empre un piano, abbiamo già parlato diverse volte di questo. L'allenamento è molto importante. Poi ci sono tante altre cose, lavorare insieme, con il medico. Poi è anche molto importante la qualità dei giocatori".

Cosa vuol dire questo risultato per il calcio olandese?
"Abbiamo fatto una prestazione ed è molto importante per il calcio olandese. Per tanti anni il calcio olandese andava sempre peggio, adesso stiamo tornando. Ogni Paese, ogni società, ha tempi buoni e tempi meno buoni, e questo sarà pure per il futuro, ma noi siamo un Paese abbastanza piccolo per il calcio e può anche capitare che non va come va adesso. Adesso però abbiamo dei talenti incredibili e se possiamo fare una squadra con questi talenti può andare sempre meglio".

Sei sorpreso di tutto quello che succede con la squadra?
"L'ho detto anche ieri, non eravamo i favoriti, abbiamo giocato contro la squadra favorita per vincere la Champions, però con la nostra filosofia possiamo andare oltre, abbiamo di nuovo superato i limiti. Si può vedere che la Juve ha un po' di paura, pure col Real era così. Noi abbiamo una filosofia di gioco ed è molto difficile giocare contro la nostra squadra e la nostra filosofia, abbiamo dei giocatori molto tecnici ed a quel punto è molto difficile pressare su di noi. Anche in fase difensiva, la maniera di pressare come facciamo noi, che è variabile, la sappiamo fare solo noi".

E' difficile anche per le squadre inglesi? Ora andate ad affrontare un'inglese...
"Noi, questo bisogna vedere...adesso dobbiamo festeggiare ed essere felici. Così abbiamo fatto tutto l'anno e adesso festeggiamo per ore. La prossima partita è in Eredivisie, sappiamo di giocare in Champions League, giochiamo sempre su tre fronti, sapendo che poi affronteremo un'inglese".

Cosa vuol dire per te stare qui come il re della Champions?
"Non guardo me stesso, io penso alla squadra, stiamo costruendo una squadra, una società. Abbiamo un piano e io sono il mister, questa è la cosa più importante. Lo facciamo con uan filosofia, con una struttura, questa è sempre sotto sviluppo, piano piano andiamo avanti con questa costruzione".

 

Domanda Massimo Pavan - Tuttojuve.com - Lei si sente un po' il valore aggiunto di questa squadra? Ha dato un'impronta di gioco fantastica ai suoi giocatori. magari presi singolarmente era inferiori a quelli della Juventus, non tutti chiaramente. Però nell'insieme, tra andata e ritorno, hanno giocato un calcio impressionante. Nel secondo tempo hanno dato una lezione di calcio alla Juventus. Pensa che il suo ciclo possa essere duraturo visto che alcuni giocatori andranno via a fine stagione?
"Prima di tutto grazie per i complimenti. Se giochiamo bene è normale che i giocatori se ne vadano perchè non siamo come Real, Barcellona, Juventus e City. Dipende dall'economia del calcio ma noi siamo creativi nella costruzione di una squadra, con equilibrio. Giochiamo con una filosofia e lo faremo anche nei prossimi anni. Lotteremo per ogni giocatore, spero di non perderne troppi: se ne andranno diversi ma il vivaio dell'Ajax è forte. Abbiamo visto Ekkelenkamp, come lui ce ne sono altri forti. Lo scouting si sviluppa, se alcuni se ne vanno, ne prenderemo altri forti per andare avanti e per crescere: ricominceremo da zero ogni stagione".

Il prossimo turno?
"Nel viaggio abbiamo già visto tanti paesi. L'Inghilterra è la prossima sfida: la filosofia di Guardiola è vicina alla mia, posso dire che saranno comunque sfide bellissime. Ora conosco poco i dettagli delle due squadre per analizzarle ma se giochiamo come contro Real Madrid e Juventus, dobbiamo avere fiducia anche lì. Abbiamo la nostra cultura del gioco ma anche in Inghilterra è bellissima e non vedo l'ora di andarci".