LA LANTERNA VERDE - Giù le mani da De Ligt… Nessuna offerta va valutata!

14.04.2022 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE - Giù le mani da De Ligt… Nessuna offerta va valutata!

Me l’aspettavo… Prima o poi doveva capitare. Di colpo, De Ligt fa gola a tutti. Dopo essere stato criticato (ricordate chi diceva che giocava più con le mani che con i piedi, vero?), ecco che il nazionale olandese è diventato ora il gioiello più brillante della rosa bianconera. Top club come Real Madrid, Barcellona e Bayern Monaco sarebbero pronti a farsi avanti con proposte monster per strapparlo alla Vecchia Signora (e, lo sappiamo, Raiola, agente dell’olandese, è un tipo che ascolta sempre tutti). C’è anche chi pensa che sia da sacrificare per incassare il cash necessario per intavolare un discorso importante con la Lazio per Milinkovic-Savic. Al suo posto potrebbe arrivare Milenkovic, amico di Vlahovic, o Bremer, rivelazione del Torino.
Vi prego, non scherziamo… Se c’è un giocatore che va blindato in casa bianconera, quello è De Ligt. Con Chiellini e Bonucci non più giovincelli di primo pelo e spesso obbligati a restarsene in infermeria, sarebbe un autogol clamoroso perdere quello che, al momento, è uno dei cinque difensori più forti al mondo, sia per qualità fisiche, tecniche e anche per età (meglio sottolineare che è un classe 1999).
Per fortuna il contratto non scade a breve giro. C’è tempo fino al giugno del 2024 per trovare la maniera di prolungare l’attuale accordo. Fossi nei dirigenti bianconeri, proverei ad accelerare i tempi (trattare con Raiola non è mai semplice). Sarebbe una bella mossa rinnovargli il contratto in tempi rapidi, così da toglierlo immediatamente dai taccuini dei vari direttori sportivi sparsi per il mondo e, soprattutto, per mostrare al ragazzo l’enorme stima che tutto l’ambiente ha nei suoi confronti.
Non ho dubbi: è il miglior giocatore della rosa (in attesa dell’esplosione di Vlahovic) e quello che ha il DNA bianconero più accentuato. Gioca sempre al massimo, non si risparmia mai e, soprattutto, è un leader. Già quando indossava la casacca dell’Ajax era fortissimo, ora è diventato un vero top player.
Insomma, neanche davanti a proposte indecenti, mi priverei di uno come De Ligt. Già ho preparato i fazzoletti per quando ci sarà l’ultimo saluto a Dybala, non vorrei mai doverne preparare un’altra secchiata per De Ligt. Anche perché, ne sono certo, una sua cessione non verrebbe accettata, anche se a malincuore, come accaduto per la Joya. Massima fiducia nella società bianconera. Sono certo che, il prossimo anno, De Ligt sarà al comando della difesa bianconera e continuerà a giocare ad altissimi livelli come sta facendo da tanto tempo. Prima sapeva solo giocare con le mani, oggi è un top player che vogliono tutti, com’è possibile? Probabilmente la risposta è molto più semplice di quanto si possa immaginare: è sempre stato un fenomeno, ha solo avuto bisogno di tempo (poco) per abituarsi al calcio italiano… Ora domina in Serie A, teniamocelo stretto!