LA LANTERNA VERDE - ATTESA SNERVANTE… MEGLIO LA FESTA! DYBALA ADDIO SE…

16.05.2019 20:07 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    Vedi letture
LA LANTERNA VERDE - ATTESA SNERVANTE… MEGLIO LA FESTA! DYBALA ADDIO SE…

Neppure l’attesa per l’ultima stagione de Il Trono di Spade è stata così sfiancante. Ogni santo giorno ci si interroga se sarà la volta buona… Il desiderio di sapere chi sarà l’allenatore della Juventus il prossimo anno sta logorando anche chi pensa che la Vecchia Signora sia l’anziana che vive al piano terra… E’ dura ma è logicamente normale che sia un “vertice” complicato, delicato, follemente opprimente (anche per i diretti interessati). Siamo ad un punto cruciale della storia bianconera. Proseguire con Allegri o affidarsi a qualcun altro? Non è così facile scegliere perché, ambedue le opzioni, hanno (possibili) implicazioni positive e, (possibili) conseguenze negative. Perdere Allegri significa rinunciare ad un allenatore che ha dimostrato di saper vincere. Allo stesso tempo, un nuovo allenatore porterebbe idee e progetti diversi, intriganti, differenti. Ma se poi non funziona? Tutti rimpiangerebbero Allegri. Ma se poi Allegri non incide come negli anni in bianconero? Si direbbe che è “mancato il coraggio di cambiare”… Insomma, un bel problema, peggio del cubo di Rubikche, almeno per me, è sempre stato un rebus senza soluzione… Quindi? Quindi meglio pensare alla festa. Eh sì, perché domenica (probabilmente sotto la pioggia), c’è da festeggiare lo Scudetto. Sembra già anacronistico, eppure la festa Scudetto non è ancora andata in scena. Saranno in tanti all’Allianz Stadium, tutti ad applaudire i propri beniamini. Per un paio d’ore, nessuno penserà ad altro, se non al fatto che, per l’ottava volta di fila, il tricolore è a tinte bianconere. Gravina, presidente FIGC, ha pure lanciato l’idea dei play-off per provare a contrastare lo strapotere bianconero in Italia. Non male, no? Battute a parte (è stata una provocazione quella di Gravina, vero?), è chiaro che la vittoria è un dolce piacere ma anche un motivo di frustrazione per chi non l’assapora mai. E’ come quando, da ragazzini, c’era sempre il belloccio di turno che si prendeva le ragazze migliori. Potevi fare di tutto, farla ridere e divertire, ma, alla fine, non toccava mai a te ma a quello là. A lui bastava uno sguardo…
A proposito di bellocci, Dybala è, indubbiamente, un bel ragazzo ed è anche un signor calciatore. La sua stagione è stata tendente al genere horror ma, onestamente, uno come la Joya è un patrimonio assoluto. E’ un po’ come il leopardo delle nevi, una specie a rischio d’estinzione. Di fantasisti con la sua qualità, in circolazione, ce ne sono pochi. Eppure, in questa Juventus, sembra non avere il suo spazio vitale. Si danna l’anima per essere utile, gioca anche in settori a lui poco congeniali ma, alla fine, resta un pesce fuor d’acqua. Pure Marchisio, suo grande amico, l’ha difeso: “Deve giocare vicino alla porta”, ha dichiarato il Principino. Ha ragione da vendere Claudio ma c’è il fattore CR7. Non è semplice trovare il modo di accontentare tutti in una squadra capitanata dal marziano (chiedere a Bale e Benzema per conferme). Chiaro che Dybala sarebbe più letale vicino alla porta ma ci sono anche gli equilibri tattici da preservare, le gerarchie da rispettare e tanti altri fattori che noi mortali non conosciamo… E allora? Allora, se dovesse restare Allegri, credo che Dybala potrebbe davvero fare le valigie. La mia speranza è che non accada ma, francamente, meglio abituarsi alla possibilità che possa accadere. Davanti ad un’offerta attorno a 80/100 milioni, la Juventus potrebbe acconsentire e per la Joya il futuro non sarebbe più bianconero. Andrà a fare il belloccio da un’altra parte e si prenderà tutte le attenzioni della piazza, come è giusto che sia… L’argentino è un fuoriclasse, su questo non ci sono dubbi. L’unica perplessità è se la Juventus sia ancora il club giusto dove mostrare quello che sa fare… Ma dove andrà? Continuo a pensare che resterà in Italia e penso che l’Inter sia la destinazione più probabile. Con Icardi bianconero? No, alla vecchia Signora (non a quella che vive al piano terra) serve altro per rifarsi il trucco…Prima, però, c’è da risolvere il cubo di Rubik… Attendiamo il vertice! C’è già stato? Ah ok, allora attendiamo che ci facciano sapere come è andata e cosa è stato deciso…