Era così semplice? Pirlo, la strada è giusta e il calendario aiuta: no al super tridente. Non aspettatevi un gennaio coi botti

24.11.2020 00:00 di Ivan Cardia Twitter:    Vedi letture
Era così semplice? Pirlo, la strada è giusta e il calendario aiuta: no al super tridente. Non aspettatevi un gennaio coi botti
TuttoJuve.com

Aveva ragione quello che diceva che il calcio è una cosa semplice. No, lasciamo da parte quel pizzico di nostalgia che c’è sempre. Di semplice c’è la Juventus che stiamo vedendo da qualche tempo a questa parte: in campo col 4-4-2, le ali, due centrocampisti che fanno i centrocampisti, due attaccanti. Poi siamo nel 2020, c’è stato Guardiola e quindi il portiere deve impostare, abbiamo scoperto che di fasi ne esistono due o anche tre, leggere un modulo così ha perso di senso. Ma le ultime uscite in bianconero sono stata dannatamente convincenti. Sulle ali di un modulo che fa tanto anni ’90, ma che in fin dei conti sembra davvero il vestito giusto per la Vecchia Signora.

Dando il bando ai sofismi e ai ghirigori tattici, forse Pirlo ha trovato la strada giusta su cui far camminare la sua potenziale fuoriclasse. Per gli arabeschi ci sarà tempo, intanto col Cagliari s’è vista la miglior Juve, almeno per la prima mezz’ora, dell’ultimo anno o anche più. Semplice semplice. Certo, due considerazioni sono da fare. La prima: il calendario aiuta. Perché, escluso il Barcellona che però arriverà all’ultima giornata del girone (quando verosimilmente entrambe saranno passate), fino al 16 dicembre (Atalanta) la Juve non dovrà affrontare nessun big match. Non si offenda nessuno al Torino: non è una provocazione, ma un dato di fatto. E scavallato l’ostacolo orobico quello successivo sarà nel 2021, il Milan alla Befana. Perché aiuta? Perché lo sanno tutti, vincere aiuta a vincere. La seconda: in conferenza stampa il tecnico s’è detto tentato dal super tridente. Dybala-Morata-Ronaldo. Bellissimo, alla PlayStation. Per il resto, è lo stesso miraggio attorno al quale (uno dei tanti, per dire la verità) s’è affannato Sarri. Dall’HDR alla DMR. Non suona neanche così bene. Dall’umilissima tastiera di un Mac, un consiglio: lasci perdere questo sogno. Non c’entra niente con la rosa della Juve, e pazienza se a turno uno tra Dybala e Morata si dovrà accomodare in panchina.

Ultima, breve, sul mercato. Quello di gennaio. Quando intervengo su TMW Radio, fioccano le domande su cosa farà o non farà la Juve nella sessione di riparazione. La risposta è breve: non aspettatevi i botti, non aspettatevi granché, forse non aspettatevi proprio niente. La rosa è satura, punto numero uno. Soldi non ce ne sono, punto numero due. Non a Torino, ma a livello generale, e muoversi sarà complicatissimo per tutte. Se ci saranno emergenze sarà un altro conto, altrimenti, e dispiace dirlo, sarà un calciomercato invernale tra i più magri della storia. Da zona rossa.