Juventus-Sampdoria 2-0: le pagelle. CR7 e Bernardeschi regalano il 9° scudetto consecutivo. Attivo Rabiot, lucido Pjanic

26.07.2020 23:51 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juventus-Sampdoria 2-0: le pagelle. CR7 e Bernardeschi regalano il 9° scudetto consecutivo. Attivo Rabiot, lucido Pjanic

Szczesny 6,5 - Stasera è concentrato come nelle migliori occasioni. Guida il reparto e si fa trovare sempre pronto quando deve intervenire per chiudere le avanzate della Sampdoria.

Danilo 6 - 25 minuti senza infamia e senza lode, svolge i suoi compiti prima di essere costretto a lasciare il campo per via di una brutta zuccata con Ramirez nella quale ha la peggio (29’ Bernardeschi 6,5 - Parte fuori ma l’infortunio di Danilo gli regala un’importante fetta di gara che prova a sfruttare anche in chiave personale mettendosi in proprio a più riprese. Audero gli dice di no al primo colpo, poi ci prova su punizione ma la mira non è buona. Il gol arriva a metà ripresa quando insacca la respinta corta di Audero sul destro di CR7).

De Ligt 7 - La Sampdoria crea parecchio arrivando più volte alla conclusione. Lui come al solito ci mette la pezza in più occasioni salvando la barca. Nel finale lascia il campo per un problema alla coscia (78’ Rugani 6 - Si rende utile chiudendo gli spazi).

Bonucci 7 - Torna dopo la squalifica e lo fa rispondendo alla grande. Bene con il pallone trai piedi, ottimo anche nelle chiusure. Nel finale prima salva un gol fatto di Quagliarella, poi sfiora quello personale.

Alex Sandro 6,5 - Prestazione sufficiente per il terzino brasiliano che controlla a dovere il suo lato nonostante la palese stanchezza. Nel finale guadagna il rigore con una sua avanzata.

Rabiot 7 - Uno dei pochi a prendere qualche iniziativa nel corso di un primo tempo estremamente avaro di soluzioni offensive in casa bianconera. Con un buono scambio con Higuain guadagna la punizione da cui nasce poi il vantaggio di Cristiano Ronaldo. Tra i più attivi anche nel secondo tempo.

Pjanic 6,5 - Torna dal primo minuto dopo l’ora scarsa giocata con il Sassuolo: si piazza in mezzo al campo a dettare ritmi alla squadra. Scherma i filtranti verso le punte e con tempismo si dà al recupero palla. Lucidissimo quando confeziona con Ronaldo la rete del vantaggio a fine primo tempo. Cala col passare del tempo ma resta su buoni livelli (78’ Bentancur 6 - Aggiunge corse e sicurezza in un finale con poca storia).

Matuidi 6 - In difficoltà nel primo tempo quando correa spesso e volentieri a vuoto, meglio nella ripresa dove è maggiormente a suo agio. Perfetto quando recupera il pallone che poi porta al 2-0 di Bernardeschi.

Cuadrado 5,5 - Parte come esterno d’attacco e fa immensa fatica a rendersi pericoloso non riuscendo quasi mai a saltare il diretto avversario. Con l’infortunio di Danilo retrocede sulla linea difensiva ma la situazione non migliora: le avanzate blucerchiate giungono sempre dal suo lato e lui fatica davvero tanto a porne rimedio.

Dybala 5,5 - Fatica a trovare spazi tra le linee ingolfate dai giocatori della Samp. Esce per un problema muscolare all’adduttore sinistro che mette in apprensione tutti in vista del Lione (40’ Higuain 5,5 - La condizione fisica non è proprio delle migliori ma ha il merito di partecipare attivamente a entrambe le azioni che portano poi ai gol bianconeri. Sul primo duetta con Rabiot che viene steso al limite dell’area: da lì la punizione di Pjanic; sul secondo porta il pallone da una metà campo all’altra per poi scaricare su Ronaldo. Incredibile il gol che sbaglia solo davanti al portiere).

Cristiano Ronaldo 6,5 - Riesce a chiudere un primo tempo con pochissimi palloni giocabili trafiggendo Audero di prima intenzione sul servizio di Pjanic ed eludendo con furbizia la linea di difesa avversaria. Anche nella ripresa è il vero protagonista delle conclusioni dei suoi: propizia la rete di Bernardeschi impegnando Audero. Nel finale però sbaglia un rigore calciando forte, ma contro la traversa.

All. Sarri 6,5 - La partita è più complicata del previsto: la Sampdoria fa la sua partita trovando troppe volte la via della porta. La gara si mette in discesa quando Ronaldo infila il vantaggio nel finale di primo tempo e poi Bernardeschi chiude a metà ripresa. Ora lo scudetto è matematico e per lui è il coronamento di una carriera partita dal basso.

L’AVVERSARIO

Sampdoria (3-5-2): Audero 5; Yoshida 6, Tonelli 5, Chabot 6 (22’ Leris 5,5); Depaoli 5,5, Thorsby 5, Linetty 6, Jankto 6 (73’ Gabbiadini 5,5), Augello 5,5; Ramirez 6 (90’ Maroni S.V.); Quagliarella 5,5. All. Ranieri 6.