ESCLUSIVA TJ - Il doppio ex Porrini: "Juve e Atalanta arriveranno in Champions, Chiesa sicuro protagonista. Gosens? Cercherei di prenderlo. Su Donnarumma..."

Potrete riascoltare uno stralcio dell'intervento a "Cose di Calcio" in onda su Radio Bianconera (visibile sul canale 68 dtt)
16.04.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Il doppio ex Porrini: "Juve e Atalanta arriveranno in Champions, Chiesa sicuro protagonista. Gosens? Cercherei di prenderlo. Su Donnarumma..."
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il doppio ex di Atalanta-Juventus, Sergio Porrini, per parlare approfonditamente del match di domenica pomeriggio e non solo:

Uno stralcio dell'intervento sarà possibile ascoltarlo durante la messa in onda di "Cose di Calcio", visibile su Radio Bianconera sul canale 68 del digitale terrestre:

E' uno scontro ormai d'alta quota, visto che l'Atalanta è stabilmente da qualche anno al vertice del calcio italiano. E' la sfida più difficile che affronterà la Juventus dall'inizio dell'anno?

"Questo sarà il vero test per capire se gli ultimi due risultati ottenuti possono avere o meno una continuità. La Juventus ha sempre avuto questi rendimenti altalenanti, sembrava sempre che Pirlo trovasse la quadra e invece puntualmente arrivava una prestazione negativa. L'Atalanta è la squadra perfetta per capire se la Juve è cresciuta".

In che modo l'Atalanta di Gasperini potrà mettere in difficoltà i campioni d'Italia?

"Negli ultimi anni, l'Atalanta ha sempre messo in difficoltà la Juventus. E sempre con le proprie armi, ho sempre visto una grande aggressione a metà campo e delle marcature asfissianti ad uomo per soffocare le fonti di gioco avversario. La volontà è sempre stata quella di togliere i rifornimenti puliti agli attaccanti bianconeri, per questo mi aspetto una "Dea" che giocherà come sempre".

Le due squadre sono tra i migliori attacchi del campionato, sarà la partita delle difese?

"La Juventus ha sicuramente una difesa migliore dell'Atalanta a livello di numeri, ma in questo momento il calcio offensivo che esprime la squadra di Gasperini è migliore rispetto a quella di Pirlo. I bergamaschi possono arrivare al gol con tanti uomini, a differenza dei bianconeri che invece possono contare sui soliti Ronaldo, Morata e Chiesa. Sporadicamente anche da difensori e centrocampisti, ma non con continuità. Bisogna anche vedere il rientro di Dybala, nel caso in cui sarà della partita si rivelerà senz'altro fondamentale".

Se dovessimo individuare un sicuro protagonista dell'incontro, alziamo la mano per Chiesa?

"Anche io penserei a Chiesa, perché è un giocatore in grado di mettere in difficoltà chiunque. Soprattutto nelle ripartenze. E' vero che l'Atalanta spinge tanto con i quinti offensivi, lo è altrettanto che in quella zona di campo puoi avere un calciatore abile a ripartire che può diventare determinante".

Chiesa da una parte, dall'altra potrebbe esserci il ritrovato Malinovskyi che può esser a sua volta devastante.

"E' un giocatore che sta attraversando un buon momento, di rifinitura, ma nell'Atalanta ci sono più giocatori che possono mettere in difficoltà i giocatori della Juventus. Il suo collettivo può mettere in difficoltà chiunque, è vero poi che ci sono Muriel e Zapata ma tutti più o meno sono arrivati alla conclusione e hanno segnato dei gol. E' difficile decifrare un singolo giocatore, nel caso punterei sul già citato Muriel".

Che partita farà Gosens contro quella che potrebbe essere la sua futura squadra?

"Se dovesse verificarsi uno scontro tra Gosens e Chiesa, è logico che diventa interessante capire sul come si affronteranno. Sarebbe un duello avvincente ed affascinante tra due giocatori molto abili in attacco che dovrebbero essere altrettanto bravi in difesa".

E il tedesco potrebbe essere proprio quello che fa al caso della Juventus su quella fascia.

"Gosens è un giocatore appetibile da tutte le big in Europa, non soltanto dalla Juventus. Per me fa bene a cercare di muoversi per un giocatore del genere, anche perché di esterni sinistri che spingono così tanto non ce ne sono molti. L'unica valutazione da fare, a mio parere, è capire se un giocatore del genere riuscirebbe ad esprimersi allo stesso potenziale anche in una difesa a quattro. Io cercherei di prenderlo".

Milan, Juventus, Atalanta, Napoli e Lazio sono in pochi punti per tre posti Champions. In questo magnifico ballo a tre, chi rimarrebbe fuori?

"Per me Juventus ed Atalanta entreranno in Champions, per cui rimarrebbe l'ultimo posto da giocarsi tra Napoli e Milan. La Lazio, se dovesse vincere il recupero, si avvicina ma la vedo un passo indietro rispetto alle altre. I rossoneri, in particolare, dovranno cercare di avere la stessa continuità di inizio campionato, altrimenti diventerebbe dura centrare l'obiettivo tenendo conto dello stato di salute delle tre rivali".

L'ultima battuta è su Donnarumma: come lo vedresti alla Juve?

"Penso che Donnarumma sia il portiere giusto per tutte le squadre del mondo, è nella top 5 in questo momento. Sarà una lotta durissima, non sarà facile tenerlo in Italia poiché le proposte economiche provenienti dall'estero saranno veramente elevate. Poi vedremo quel che succederà, visto che sarà il giocatore a decidere".

Si ringrazia Sergio Porrini per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.