Sportmediaset - Vado al Max: com'è cambiata la Juventus per puntare all'obiettivo tricolore

06.12.2023 13:20 di Rosa Doro Twitter:    vedi letture
Sportmediaset - Vado al Max: com'è cambiata la Juventus per puntare all'obiettivo tricolore
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

E' una Juventus che sta sorprendendo tutti e continuare a tallonare l'Inter. Così Sportmediaset ha provato ad analizzare cosa è cambiato nella squadra di Allegri: "Guardando la Juve 2023/24 sicuramente non si rimane incantati dalla bellezza della manovra (ma questo ai tifosi interessa poco finché arrivano i tre punti). Si inizia però a vedere qualcosa di diverso e di meno basico in fase di possesso palla.  Allegri è sempre stato bravissimo a gestire i campioni non solo dal punto di vista della compattezza del gruppo ma anche nel saper scegliere, di gara in gara e nei vari momenti della partita, chi mettere in campo e quando. All'inizio di questa stagione, si è arrivati al compromesso di lasciare Max in panchina con la richiesta di dare alla squadra un'impostazione un po' più in linea con i tempi.

E qualcosa si sta muovendo, anche se la qualità estetica delle prestazioni lascia sempre a desiderare. Siccome, però, da quelle parti "vincere è l'unica cosa che conta", si è finalmente giunti alla conclusione che per cercare i tre punti bisogna avere anche una minima organizzazione anche in fase offensiva. Sarà stato l'arrivo di qualche elemento nuovo nello staff tecnico o un preciso diktat dirigenziale ma qualcosa di più sofisticato, in questa Juve, si inizia a intravedere. omenti di pressing alto, anche se non continuative, si sono viste in altre partite stagionali, così come una fase di costruzione più complessa e in linea con i dettami del calcio attuale. Partendo dal 3-5-2, il sistema bianconero, in fase di possesso palla, può diventare un 4-3-3, con Gatti che si allarga e Kostic che si abbassa, Locatelli (o Nicolussi Caviglia) che diventa il perno centrale, due intermedi come McKennie e Rabiot, e Cambiaso, a destra, che si alza in linea con Vlahovic (o chiunque sia la prima punta), con Chiesa largo a sinistra. Tutto questo crea l'opportunità di sfruttare delle catene di gioco esterne, con la possibilità di sfruttare anche, come appoggio, l'attaccante centrale che viene incontro".