Ravanelli: "I tanti spostamenti non hanno aiutato i giocatori a vivere bene le idee che voleva trasmettere Pirlo"

10.05.2021 20:10 di Benedetta Demichelis   Vedi letture
Ravanelli: "I tanti spostamenti non hanno aiutato i giocatori a vivere bene le idee che voleva trasmettere Pirlo"

Fabrizio Ravanelli è intervenuto in collegamento con Sky Sport e ha parlato del momento della Juventus. Ecco quanto evidenziato da TuttoJuve.com: "Lo spogliatoio può avere una sensazione di "incertezza" per i troppi cambi? È logico giudicare quello che può passare all'interno dello spogliatoio, ma è impossibile perché non si vive. Però dalla mia esperienza da calciatore è logico che quando si fa fatica a trovare una squadra titolare, un'idea di calcio, viene a mancare quella fiducia verso l'allenatore ma non tanto quanto verso Andrea Pirlo ma verso le sue idee. Perché se la squadra fa fatica con quelle idee di gioco e il mister cerca ogni settimana di cambiarle mettendo magari di giovani, spostando anche il caso di Bernardeschi prima alto e poi basso, anche questi spostamenti sicuramente non hanno aiutato, all'interno della spogliatoio, i giocatori stessi a vivere bene l'idea che voleva trasmettere il mister. È logico che in tutte le ultime partite abbiamo visto che c'è una difficoltà che i giocatori riescano a fare quello che il mister ha in testa. Quindi si vede che la squadra è lunga e come faccia fatica a fare pressing, come diceva ieri sera Capello certi errori sono inammissibili. Perché i giocatori di Serie A a livello di Juventus non possono sbagliare passaggi di dieci metri. Quindi c'è stata veramente una prestazione troppo al di sotto delle aspettative per quanto riguarda i giocatori della Juve. Quindi credo che soprattutto sia un discorso mentale. Non credo al discorso dello stadio vuoto. Noi abbiamo in squadra giocatori come Szczesny, Chiellini, Bonucci, Alex Sandro, Ronaldo e Dybala, gente che ha veramente vinto sei, sette o nove scudetto, non possiamo andare a trovare giustificazioni".