Premier League, non si riparte a maggio. Possibilità di contrattare il 30% di taglio agli stipendi

03.04.2020 17:50 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Premier League, non si riparte a maggio. Possibilità di contrattare il 30% di taglio agli stipendi

La Premier League ha deciso il futuro della stagione. Nel corso di una video-conferenza tenutasi oggi, si è deciso che non si ripartirà a inizio maggio come inizialmente previsto, ma solo quando le condizioni di sicurezza lo consentiranno. "La data di riavvio - si legge - è in costante revisione con tutte le parti interessate, poiché si sviluppa l'impatto della pandemia di COVID-19 e lavoriamo insieme in questo momento molto impegnativo". Quanto agli stipendi, è stato deciso che tutti i club potranno contrattare con i loro giocatori un taglio dello stipendio del 30% sulla retribuzione annua totale. Inoltre, la Lega ha approvato all'unanimità la destinazione di fondi pari a 125 milioni di sterline alla EFL e alla National League, ovvero alle leghe che organizzano dalla seconda alla quinta divisione inglese, perché consapevole delle gravi difficoltà che i club della piramide calcistica stanno vivendo in questo momento.