Il legale di Icardi: "Il giocatore chiede pari dignità rispetto agli altri"

02.09.2019 10:50 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Il legale di Icardi: "Il giocatore chiede pari dignità rispetto agli altri"

Torna a parlare di Giuseppe Di Carlo, legale di Mauro Icardi. Lo fa ai microfoni di Radio Anch’io Sport, in onda su Radio Rai 1: “Quali saranno le nostre prossime mosse? Ovviamente preferisco non entrare troppo nel dettaglio, visto che siamo nell’ultimo giorno di mercato e ci potrebbero essere degli sviluppi nel rapporto tra il giocatore e il club. Abbiamo presentato la domanda di arbitrato ritenendo che il calciatore abbia il diritto di partecipare agli allenamenti con la prima squadra parimenti ai compagni, sostenendo che ci fossero discriminazioni rispetto agli altri. Le offerte? Sul mercato non entro nel merito, è opportuno che tutte le parti in causa trovare una soluzione soddisfacente. Quanto agli striscioni e alle minacce si tratta di situazioni non carine che vanno a incidere sugli aspetti psicologici dei soggetti in causa, compreso un ragazzo di 26 anni che ha una moglie e dei figli. Penso sia opportuno abbassare i toni sulla vicenda al di là di ogni valutazione per far sì che una famiglia possa liberamente godere della propria vita”.

Una cosa del genere può andare avanti per mesi senza una soluzione?
“Io credo che, considerando la posta in gioco e i rapporti pregressi, sicuramente ci sarà la possibilità di arrivare a una soluzione condivisa che possa soddisfare entrambe le parti. Non si tratta di trovare un vincitore o uno sconfitto, ma di trovare una soluzione che possa tutelare entrambi. La nostra posizione non è quella riportata da molti giornalisti, con il risarcimento e tutto il resto, ma quella di ristabilire la dignità di un lavoratore, che ci sia pari dignità per i lavoratori sottoposti a un contratto con una società. L’esclusione dagli allenamenti tecnico-tattici ha influito su questo aspetto. Vogliamo pari dignità e che il giocatore lavori con il gruppo, anche perché contrariamente a quello che si dice Mauro ha un ottimo rapporto con il resto dei compagni. Vediamo se si riuscirà di trovare una soluzione”.

In questi mesi si è sbagliato qualcosa dal punto di vista comunicativo?
“Per quanto riguarda l’aspetto della comunicazione i giornali sotto questo aspetto hanno inciso profondamente ma non per volontà dell’entourage del calciatore. La stessa domanda di arbitrato è stata spiattellata su tutti i quotidiani. È tutto ormai di dominio pubblico, ogni piccolo contrasto viene ingigantito e portato all’evidenza pubblica visto che richiama l’attenzione del pubblico. Il reintegro serve al giocatore per ottenere pari dignità rispetto agli altri calciatori. Lui ha sempre amato l’Inter e portato rispetto ai colori nerazzurri. Non c’è mai stato un problema di nessun tipo, lui vuole avere la possibilità di allenarsi alla pari degli altri sotto la direzione di Antonio Conte. Ribadisco che non c’è nessuna preclusione da parte del calciatore a trovare una soluzione condivisa, dobbiamo valutare quali siano le condizioni migliori per proseguire la sua carriera. Noi vogliamo che il calciatore venga tutelato di fronte al proprio datore di lavoro. Il trattamento che ha subito il calciatore secondo noi merita approfondimento da parte degli organi di giustizia”.