Carraro: "Porte chiuse il male minor. Deciderei a 48 ore dalla partita"

24.02.2020 10:50 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Carraro: "Porte chiuse il male minor. Deciderei a 48 ore dalla partita"

Franco Carraro, ex presidente della Federcalcio e uomo di sport di lungo corso, ha parlato ai microfoni di Radio Anch'io Lo Sport sul tema Coronavirus. "Se chiude il Duomo di Milano, se funerali e matrimoni si fanno in forma privata, se gli stilisti sfilano a porte chiuse, il mondo dello sport che coinvolge così tante persone non può non essere toccate da questo fenomeno - dice -. Gli sport di squadra, soprattutto quelli di vertice e quindi la Serie A, penso debba stabilire una norma fin da oggi. Opportunamente è stata convocata una riunione. Salvo che le autorità pubbliche siano contrarie, io stabilirei che le gare si svolgono regolarmente e a 48 ore dalla partita si decide se giocare a porte aperte o chiuse. Recuperare una giornata è già difficile, farlo con più di una rischia di intaccare la regolarità del campionato. E' chiaro che la squadra di casa è svantaggiata perché il pubblico ti sostiene, ma in questo momento mi sembra il male minore".