Beccantini: "Sto con Adani. La Juve ha smesso di giocare a Natale"

07.05.2019 20:40 di Alessandro Vignati   vedi letture
Beccantini: "Sto con Adani. La Juve ha smesso di giocare a Natale"
TuttoJuve.com

Intervistato da SerieANews, il giornalista Roberto Beccantini ha parlato della Juventus. Ampia panoramica: "Allegri-Adani? Con Adani, al di là delle ragioni e/o dei torti. Chi si ritira, ha sempre torto. E Allegri si ritirò. Se vogliamo risalire al nocciolo della questione, Adani sembra felice di aver inventato il calcio; Allegri, viceversa, sembra felice di essere stato inventato dal calcio, salvo quando va a discutere l’ingaggio con Agnelli (sette milioni e mezzo netti di euro a stagione), Contenti loro… La vittoria non basta più? E’ un problema che ci trasciniamo dal secolo scorso, accentuato dall’invasione televisiva. Pensi a cosa sarebbe successo, o a come avremmo reagito, se ai tempi della Juventus “italianista” di Giovanni Trapattoni, la miglior espressione della nostra scuola, avessimo potuto godere in diretta dell’Ajax di Rinus Michels e Johan Cruijff, la squadra-laboratorio del calcio totale. Voglio dire: quel gioco, il nostro gioco, ne sarebbe uscito più grasso o più magro? Juve? Trovo eccessive le critiche, ma di sicuro Allegri ha dato l’impressione che, con quella rosa, avrebbe potuto fare meglio. Non dico di più: dico meglio. Come gioco. Per non parlare del crollo di primavera. Assoluto, verticale, inaudito, tra infortuni e brillantezza di manovra. Di solito, la sua Juventus arrivava pimpante al traguardo – e in due anni, addirittura in lizza per tutti i trofei (scudetto, Champions, Coppa Italia). Questa volta, invece, ha smesso di giocare a Natale. Nel 2019, non ricordo che una grande partita: il ritorno con l’Atletico. Gli avanzi sono stati sufficienti per rivincere in Italia, non per ribellarsi al  secondo tempo dell’Ajax. Ribadito che i risultati di Allegri restano egregi, in patria e fuori, dopo cinque anni lo ringrazierei e proverei a cambiare. Per un Guardiola, per un Gasperini. Per un taglio netto, solo per questo. Per nessun altro tipo di compromesso".