LIVE TJ - SARRI IN CONFERENZA: “Atalanta una delle più in forma d’Europa. Pjanic out per un problema fisico”

12.07.2020 00:55 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
LIVE TJ - SARRI IN CONFERENZA: “Atalanta una delle più in forma d’Europa. Pjanic out per un problema fisico”

Maurizio Sarri commenta in conferenza stampa il pareggio contro l’Atalanta: "È un punto importante preso contro una delle squadre più in forma d’Europa. Questa è un squadra che dal punto di vista fisico nel primo tempo era più fresca e più brillante di noi. Nel secondo tempo sembrava avessimo qualcosa in più e con queste premesse questo è un punto importante”.

Oggi avete difeso in maniera diversa, un po’ più bassi…

“Sono venuti due gol su due situazioni che da due giorni stiamo parlando che sono pericolosi. Sulla prima palla che ha perso Dybala poteva esserci fallo però queste sono le situazioni in cui l’Atalanta fa male. Anche il secondo gol è stata un’altra palla persa. Nel primo tempo siamo stati un po’ troppo bassi, nel secondo tempo no. Abbiamo preso gol forse in uno dei nostri momenti migliori. La difesa bassa non è un problema della linea difensiva perché è l’ultima linea e si adegua all’atteggiamento della squadra”.

Questo punto quanto vi avvinca al titolo?

"Dobbiamo fare 11 punti. Tutto il resto sono discorsi e probabilità che a noi non interessano. Dobbiamo fare 11 punti nelle prossime 6 partite”.

Un bilancio su questa prima fase post campionato contro squadre idi livello più altrove fatto fatica?

“È un momento difficile per noi come per tutti. A parte l’Atalanta nessuno trova grandissima continuità. È normale, ti tocca giocare a luglio con condizioni non semplici dove sprechi energie importanti. Giocare ogni 3 giorni crea complicazioni a tutti. Questa è una situazione che vale un po’ per tutti, dobbiamo adeguarci a una situazione nuova. Fare punti in questo momento non è semplice. Stasera nel primo tempo la squadra sembrava poco brillante poi nella ripresa ha avuto buoni spunti. Stiamo anche assistendo ad un campionato italiano con molti più gol”.

Test anche in chiave Champions?

“Noi in questo momento dobbiamo pensare al campionato. La Champions è lontana, dobbiamo concentrarci in maniera feroce sul campionato. Abbiamo dei margini di miglioramento, stiamo alternando momenti di solidità in cui si segna molto e viceversa. Non è un problema di attaccanti o difensori. È tutto un atteggiamento di squadra, sia nella fase difensiva che quella offensiva”.

Mercoledì dobbiamo aspettarci qualche cambiamento?

“Bisogna avere l’opportunità di farlo. Noi abbiamo passato un periodo con tante assenze dove non potevamo fare niente a livello di rotazioni. In questo momento qualcuno sta rientrando ma nessuno di loro ha 90 minuti. Spero che nei prossimi giorni qualcuno di loro possa dare qualcosa di più perché le partite stanno aumentando e possono aiutare. Siamo vicini: Ramsey e Higuain si allenano con continuità. Giorgio purtroppo viene da 11 mesi con una partita sola. Alex Sandro sta tornando. Oggi abbiamo tenuto fuori Pjanic perché aveva un affatciamento all’adduttore e non abbiamo voluto rischiare un infortunio più importante”.

Gliel’ha chiesto Pjanic di non giocare?

“No ho parlato con il medico. Mi ha detto che c’era questo rischio e io gli ho detto che l’avrei messo eventualmente solo negli ultimi minuti. Con il ragazzo non ho parlato perché sicuramente mi avrebbe detto che ci teneva a giocare”.

Ha visto stanco Dybala e ha deciso di cambiarlo?

“No mi sembrava che per lui fosse una partita difficile. Questi avversari ti concedono poco la possibilità di girarti. Per Paulo era una situazione non semplice. Ho visto che Gonzalo poteva darci negli ultimi 20 minuti la possibilità di giocare di sponda e aprire qualche spazio in più per la profondità di Ronaldo e abbiamo provato quello”.