LIVE TJ - PIRLO A SKY: "Soddisfatto per l'approccio dei ragazzi. Do fastidio? Qualcuno insisteva su alcune cose, ma vado avanti per il mio lavoro". CAPELLO lo elogia: "Mi sono piaciute le tue dichiarazioni"

02.12.2020 23:27 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
LIVE TJ - PIRLO A SKY: "Soddisfatto per l'approccio dei ragazzi. Do fastidio? Qualcuno insisteva su alcune cose, ma vado avanti per il mio lavoro". CAPELLO lo elogia: "Mi sono piaciute le tue dichiarazioni"

Andrea Pirlo risponde alle domande dei colleghi di Sky. Tuttojuve.com riprende le sue parole:

3-0 netto, buon inizio, poi c'è stato quel calo nel finale di primo tempo e dopo il 2-0 non avete avuto grossi problemi. Si è spiegato quel quarto d'ora?
"Non si può avere sempre la palla, ogni tanto si può anche soffrire 5-6 minuti. E' normale, loro hanno cercato di tornare al pareggio, ma non ho mai visto una squadra avere il predominio per 90 minuti. Giochi una partita di Champions, contro squadre forti, quindi capita anche che debba difendere per qualche minuto. Sono soddisfatto per l'approccio mentale dei ragazzi, hanno gestito bene anche il vantaggio. Siamo contenti per la partita. 

Pensa di dare più fastidio da stasera? Vista la frase di ieri...
"Non so chi possa essersela presa, perchè era una battuta che ho fatto qua con te, perchè vedevo che qualcuno continuava ad insistere su alcune cose. Io invece vado avanti per il mio lavoro, come ho sempre fatto, non ho nessun problema con nessuno, so che sono giovane, lo sanno anche gli altri, devo migliorare e lo stiamo facendo giorno dopo giorno".

(Domanda di Capello) Andrea, vai avanti per la tua strada, fai le tue scelte e vedrai che troverai la strada giusta. La cosa che mi ha fatto piacere delle tue dichiarazioni prima della gara, è la voglia di arrivare primi, questo messaggio lo hai trasmesso alla squadra, perchè la squadra sente questa voglia ed è molto importante come allenatore. Perchè sei l'allenatore di questa squadra e se vuoi essere seguito devi fare queste dichiarazioni e avere questa voglia, sempre.
"Non dobbiamo acccontentarci di gicoare le partite tanto per giocarle. Ogni partita è importante, non solo per la classifica, ma anche per la nostra crescita a livello di squadra. Quindi stasera avevamo bisogno di fare una partita di squadra, l'abbiamo fatta. Adesso penseremo al derby e poi alla partita col Barcellona. Era un segnale positivo che dovevamo avere all'interno di noi stessi".

(Domanda di Del Piero) Bel salto di qualità e di personalità di Morata. Sta facendo bene ogni partita. Si sente voluto bene, è in forma fisica. Pensi che sia un grande valore aggiunto per voi? Lo troviamo ancora più maturo e determinante.
"Sì, noi lo conosciamo bene, è arrivato alla Juve molto giovane, anche lui ha avuto un percorso di crescita che è servito a lui, perchè non giocava tutte le partite quando è arrivato, ogni tanto entrava , segnva, poi riusciva. E' quello che stanno facendo un po' tutti i ragazzi giovani che sono arrivati quest'anno. Lui è tornato dall'esperienza che ha avuto a Londra che a Madrid con l'Atletico, è cresciuto molto sotto l'aspetto mentale, qui si sente a casa, si ente libero, è contento di far parte di questo gruppo e poi quando sei libero mentalmente poi le tue qualità escono sul campo. Lo volevamo a tutti i costi e siamo contenti di averlo qui con noi".

(Domanda di Condò) Martedì sera avrete il primo grande appuntamento stagionale al Camp Nou. Questo tipo di partite ho l'impressione che siano più congeniali a quello che è stata la tua esperienza da giocatore. Ti senti pronto?
"Mi sento pronto, erano le più facili da giocare, spero lo siano anche da preparare, perchè ti porta a una concentrazione massima, non solo per l'allenatore ma anche per i calciatori, sono le aprtite che ti svoltano, ti cambiano la stagione anche a livello di autostima. E sicuramente andremo lì per vincere la partita e fare il nostro gioco. Ma ricordiamoci che prima abbiamo un derby da giocare e da vincere. Adesso ci concentriamo sul campionato e poi vedremo cosa faremo martedì a Barcellona".

Primo gol per Chiesa. E' la prima coppia italiana padre-figlio  a fare gol in Champions
"Sì, sono contento per Federico perchè aveva bisogno di sbloccarsi, lo cercava da qualche partita, infatti gli ho detto che non devo chiamarlo tutte le volte io per andare a chiudere l'azione, ma deve essere già pronto a chiudere l'area quando si sviluppa dall'altra parte. E' stato bravo e sono contento per lui perchè aveva bisogno di sbloccarsi".

IN AGGIORNAMENTO