LIVE TJ - MAROTTA: "Higuain non ha chiesto la cessione. Cancelo giocatore interessante. E su Icardi..."

12.06.2018 18:36 di Camillo Demichelis Twitter:   articolo letto 64463 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
LIVE TJ - MAROTTA: "Higuain non ha chiesto la cessione. Cancelo giocatore interessante. E su Icardi..."

Beppe Marotta ha parlato a margine di un evento che si sta tenendo a Milano. Ecco le sue parole riportate da TuttoJuve.com: "I giocatori della Juventus sono incedibili fino al momento in cui loro stessi chiedono di essere ceduti. Nel caso di Higuain anche se il giocatore è ai mondiali, non è mai pervenuta da parte sua una richiesta in quel senso". 

Emre Can quando arriverà? 

"Su Emre Can siamo ottimisti. Diciamo che i contatti con i suoi rappresentanti sono avviati e sono a buon fine, ci auspichiamo che in una decina di giorni si possa arrivare ad una conclusione dell'operazione". 

Cancelo possiamo definirlo un obiettivo?

"Cancelo è un ottimo giocatore, nella fattispecie noi siamo alla ricerca di un profilo del genere però in questo momento non c'è nessuna trattativa in corso. Quindi posso dire che è un giocatore interessante. Icardi? Icardi è una suggestione. Sicuramente parliamo di un ottimo giocatore che è dell'Inter poi notizie giornalistiche ce lo hanno avvicinato, ma tutto questo rientra nella fantasia, nel fantacalcio. Diciamo quel fenomeno che questa estate ci coinvolge più o meno indirettamente"

Cosa pensa della possibilità di chiudere trasmissioni storiche in tv con la nuova suddivisione dei diritti tv?


"Il mondo della tv è cambiato, dallo stadio reale siamo passati al mondo virtuale. Gli strumenti per poter assistere al calcio sono tanti e questo cambiamento bisogna saperlo gestire nel migliore dei modi". 


Ci potrebbe essere una riapertura sulle trasmissioni in chiaro?


"Questo spetta all'Assemblea della Lega, come rappresentante della Juventus sono per tutelare tutti quelli che sono appassionati di calcio. Negoziare al meglio i diritti tv è sicuramente un obiettivo. I cori dei ragazzi del'Under 15? "Si tratta di un atto da condannare, non c'è alcuna attenuante. Significa che qualcosa nell'ambito educativo non funziona, noi dobbiamo essere più diretti e incisivi nell'attività di prevenzione. E' un atto da biasimare, anche se riferito a ragazzi di 14 anni".

 

IN AGGIORNAMENTO CLICCA F5...