LIVE TJ - KULUSEVSKI: "Pirlo allenatore perfetto per i giovani. Dybala? La concorrenza fa bene a tutti. È una situazione difficile e si fa quel che si può"

22.10.2020 17:39 di Camillo Demichelis Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
LIVE TJ - KULUSEVSKI: "Pirlo allenatore perfetto per i giovani. Dybala? La concorrenza fa bene a tutti. È una situazione difficile e si fa quel che si può"

Dejan Kulusevski ha parlato ai microfoni di Paolo Aghemo di Sky Sport. Ecco un'anticipazione dell'intervista che andrà in onda nel pomeriggio: 

Che cosa significa per voi giovani avere questa possibilità di avere un allenatore che non ha remore a mettervi in campo?

"È bellissimo perché qua non si parla età, ed è così che deve essere. Qui non c'entra quanti anni hai e quello è importante. Se uno deve giocare, deve giocare. Quindi quello che ti posso dire e che ci aiutano davvero tanto in tutto cioè quando faccio delle domande mi rispondono sempre e mi aiutano quando sono in campo. E quando faccio qualcosa che non vogliono me lo dicono subito così poi posso migliorare la prossima volta. Mi aiutano davvero tanto sia il mister che tutto lo staff. Il colpo di tacco a Kiev? Sinceramente ho pensato poco a quell'azione. La palla mi è arrivata davanti e ho fatto l'unica cosa che potevo, se fossi stato più vicino forse poteva andare meglio, ma il portiere ha preso la palla e nessuno mi ha detto niente. Il gol di Del Piero sinceramente non l'ho visto non era nato. Però spero un giorno di fare un gol così. Siamo ancora all'inizio della stagione e ancora non ho trovato un ruolo che mi piace di più in questo sistema e, come ho detto, so fare tanti ruoli e dove mi mette Pirlo giocherò. Quando mi mette in ruolo mi spiega tutto quello che vuole da me. Quindi sto ancora cercando gli spazi giusti dove posso giocare".

Potresti entrare anche in concorrenza con Dybala ci hai pensato? 

"Qua sono tutti giocatori fortissimi e la concorrenza è la cosa migliore per tutti. È la cosa migliore per me perché ogni giorno devo guardarmi il posto se no non gioco. Chi si guadagna il posto dipende da cosa fa in allenamento. Devi sempre allenarti bene e far vedere che sei pronto quindi vediamo. Non si può giocare sempre. Quando giocherò sarò sempre pronto a fare il mio. Le difficoltà ci sono assolutamente, non è facile per nessuno. Non solo per noi ma per tutto il mondo vista la situazione. È difficile, è quasi un mese che non sono casa, però è difficile per tutti non solo per me. Quindi si fa quel che si può e bisogna vedere le cose positive. Adesso conosco i miei compagni molto meglio e conosco meglio anche il mio mister e tutto lo staff. Stiamo insieme tutta la giornata e facciamo gruppo. Quindi puoi allenarti quando vuoi, puoi fare due allenamenti al giorno. Quindi ci sono anche aspetti positivi e tra poco spero di poter tornare a casa e di rivedere i miei cari. Però quando si potrà si farà anche quello e ci aiuterà tanto perché dà tanta energia".