LIVE TJ - ALLEGRI: "Dobbiamo vincere. Chiellini out. Domani giocheranno Chiesa e De Ligt"

21.09.2021 14:16 di Camillo Demichelis Twitter:    vedi letture
Fonte: Dall'inviato all'Allianz Stadium Camillo Demichelis
LIVE TJ - ALLEGRI: "Dobbiamo vincere. Chiellini out. Domani giocheranno Chiesa e De Ligt"

Massimiliano Allegri ha parlato alla vigilia del match contro lo Spezia. TuttoJuve.com ha seguito l'evento in diretta:

Ha in mente tanti cambi per la partita di domani?

"Domani ci saranno dei cambi perché alcuni hanno giocato tanto. Lo Spezia è una squadra sbarazzina e non è facile giocare nel loro stadio. Dovremo fare una partita mentale e fisica come loro e poi far venire fuori gli aspetti tecnici".

Come sta Morata?

"Morata sta bene e ha recuperato. L'unico out è Chiellini che era febbricitante già da ieri. Gli altri stanno ben, serve una vittoria. Domenica i ragazzi hanno fatto una bella partita, nel secondo tempo sbagliamo troppo tecnicamente e sono cose che ti trascini. Bisogna vincere per poi vedere le cose in un altro modo".

Come commenta le immagini sul suo sfogo?

"Normale che anch'io abbia uno sfogo post partita perché sono umano. Quelli che vanno in panchina devono essere determinanti quando entrano, con un giusto approccio alla partita. Non possiamo rischiare di giocare in 10. È un senso di rispetto e di responsabilità. Devono essere pronti quando vengono chiamati in causa. Mi hanno sempre detto che quello che conta è il campo, è molto più semplice di quello che sembra".

Si è dato una spiegazione per il calo nel secondo tempo?

"Ho rivisto la partita di domenica tra fine primo tempo e inizio secondo tempo abbiamo sbagliato otto palloni gratuiti. Non possiamo sbagliare troppi passaggi. Le occasione poi le abbiamo avute noi, se sbagli tecnicamente poi nel calcio basta un episodio e lo paghi. Poi dopo il pari potevamo anche perdere e abbiamo avuto la fortuna di non perdere. Alcuni momenti della partita vanno gestiti meglio".

Bentancur è in difficoltà?

"Bentancur non è in difficoltà. Domenica ha fatto una bella partita, anche Rabiot ha fatto una grandissima partita però poi gli manca la cattiveria sotto porta perché ha tutte le qualità per fare gol. Fino al momento del calcio d'angolo il Milan era rimbalzato su di noi, nel secondo tempo abbiamo fatto troppi errori gratuiti".

Una mancata vittoria domani vorrebbe dire essere fuori dalla lotta scudetto?

"Parlare ora di obiettivi a lunga scadenza non ha senso. Bisogna concentrarsi su domani perché a vedere la classifica è uno scontro salvezza. Pensiamo a domani poi vedremo".

Quanti cambi dobbiamo aspettarci domani?Cambierà anche qualcosa tatticamente?

"Tatticamente non cambieremo nulla. Domani giocheranno Chiesa e De Ligt. Quindi due cambi li farò".

La difesa a tre prende sempre più corpo?

“La mia Juve non ha mai difeso a tre, l’ha sempre fatto a quattro. Poi dipende dalla squadra che affrontiamo per avere più uomini in zona palla. Le difese a tre non esistono, o a quattro o a cinque. Anche perché non possono difendere 68 metri in tre così non difende nessuno e prendi gol sempre. Non sono abbastanza per coprire il campo”

Come procedono i recuperi di Arthur e Kaio e Jorge?

“Procedono bene, dopo la sosta dovrebbero rientrare con la squadra”.

Si sente un po’ arrugginito?

“No come tutte le cose serve tornare al lavoro, adesso mi sono già abituato. Son sempre stato abituato che meno si parla dei problemi e più velocemente si riescono a trovare le soluzioni. In questo momento c’è solo da fare”.

C’è stato un chiarimento tra Szczesny e Rabiot?

“Non c’è nervosismo, è normale che possa esserci motivo di discussione ma nello spogliatoio è sempre successo. A volte anche durante l’allenamento c’erano un po’ di scazzottate una volta. Domenica abbiamo sbagliato sul calcio d’angolo, la prossima volta faremo meglio. Rabiot si è fatto attirare dalla palla in occasione del gol fortunatamente l’angolo dopo ha difeso bene”.

Come procede l’inserimento di Locatelli?

“Bene anche Manuel non è abituato a giocare ogni tre giorni. Quando sei alla Juve è la normalità farlo, occorre trovare un equilibrio mentale e fisico diverso”.

Come si allena la gestione di ogni pallone? Funziona martellare costantemente i giovani?

“Non è questione di martellamento. Faccio delle valutazioni dei giocatori altrimenti non crescono, è normale che in certi giocatori che hanno meno esperienza paghiamo alcune cose. Stiamo lavorando tutti insieme per arrivare a obiettivi importanti”.

Termina la conferenza stampa di Massimiliano Allegri